• Articolo , 4 febbraio 2011
  • Verde pubblico, la collaborazione con il privato funziona

  • Dalla prossima primavera le porte della città saranno più colorate ed attraenti grazie alla partnership tra il Comune e le numerose aziende che hanno assicurato la propria disponibilità per la cura delle aree verdi aderendo all’iniziativa “Sponsor privati per verde pubblico”. I primi progetti di riqualificazione e gli sponsor che hanno partecipato con successo al […]

Dalla prossima primavera le porte della città saranno più colorate ed attraenti grazie alla partnership tra il Comune e le numerose aziende che hanno assicurato la propria disponibilità per la cura delle aree verdi aderendo all’iniziativa “Sponsor privati per verde pubblico”. I primi progetti di riqualificazione e gli sponsor che hanno partecipato con successo al bando pubblicato nei mesi scorsi sono stati presentati questa mattina nella Sala della Consulta di Palazzo Comunale, nel corso di una conferenza stampa, dal sindaco Oreste Perri e dall’assessore ai Lavori Pubblici Francesco Zanibelli.

Dalla prossima primavera gran parte delle porte della nostra città saranno più ordinate ed attraenti grazie alla partnership tra il Comune e le numerose aziende che hanno assicurato la propria disponibilità per la cura delle aree verdi. E’ stata, infatti, superiore alle aspettative l’adesione degli imprenditori locali all’iniziativa, lanciata nello scorso novembre, che chiamava i privati alla collaborazione per la gestione del verde cittadino, con la finalità di rendere la nostra città più bella e accogliente.
Sia per numero di adesioni che per qualità di proposte, l’appello del Comune di Cremona ha suscitato un interesse ragguardevole, evidenziando una sensibilità particolare verso la gestione di un bene pubblico che è anche un biglietto da visita importante per quanti arrivano nella nostra città per motivi di lavoro o di turismo.
La riqualificazione e la manutenzione delle aree verdi alle porte della città, ma anche gli interventi su piazze, aiuole e giardini, contribuiranno a rendere maggiormente vivibili questi spazi per i cremonesi stessi. Ed è anche per quest’ultima finalità che i diversi imprenditori hanno voluto investire risorse, in più casi veramente importanti, decidendo di impegnarsi nella gestione degli spazi acquisiti anche per periodi molto più lunghi rispetto ai due anni minimi previsti dal bando.
Sono 18 in tutto le aree opzionate dalle 16 aziende che hanno aderito al bando, per un totale di oltre 60.000 mq. L’equivalente, cioè, di circa 10 campi da calcio. Si tratta di aree particolarmente significative per collocazione e visibilità, che fanno registrare flussi di traffico per oltre 400.000 passaggi giornalieri. L’investimento complessivo previsto per gli interventi di manutenzione e di riqualificazione si può quantificare tra gli 800 mila e il milione di euro.
Certamente un aspetto assai rilevante, anche per le casse comunali sgravate da oneri impegnativi , considerati altresì i tempi di realizzazione velocissimi e il protrarsi su più anni dell’impegno da parte dei partner privati; ma l’obiettivo del Comune di Cremona non era solo questo, certamente importantissimo, il desiderio era anche quello di coinvolgere i privati in operazioni coordinate, mettendo in gioco sensibilità, creatività, disponibilità, entusiasmo. Tutto questo è avvenuto.
L’elevato livello qualitativo dei progetti presentati, o in corso di elaborazione, conferma la particolare sensibilità dimostrata dalle aziende cremonesi verso l’immagine e il decoro della città, considerate evidentemente come componenti molto importanti per la vita stessa delle imprese e dell’interagire.
Mentre prosegue il confronto e la messa a punto dei progetti in vista della realizzazione concreta degli interventi, prevista per la primavera prossima, il Comune è disponibile a raccogliere ulteriori adesioni e proposte sulle aree non ancora opzionate. Le modalità sono le stesse stabilite dal bando che rimane in vigore anche dopo la scadenza che era stata indicata nel 15 dicembre scorso.