• Articolo , 13 marzo 2007
  • Vertice bilaterale Italia-Russia

  • All’ordine del giorno del vertice previsto per domani ci sarà anche lo scottante tema energetico. La Russia si dimostra disponibile ad una patnership basata sulla “responsabilità reciproca”

Seconda tappa domani per il presidente russo, Vladimir Putin, da oggi in Italia. Al Castello Svevo di Bari, si terrà il vertice bilaterale intergovernativo alla presenza delle più alte cariche dello stato italiane e russe. Uno dei temi cruciali sarà proprio quello energetico, in particolare riguardo all’approvvigionamento di gas e all’accordo tra Gazprom e Eni che vede come obiettivo l’entrata della compagnia russa nel mercato italiano e la possibilità invece per la società italiana di cercare ma soprattutto estrarre petrolio dal territorio russo. Se i rapporti bilaterali hanno visto il 2006 come un anno particolarmente propizio, potrebbe essere perfino meglio il 2007 soprattutto nei settori delle alte tecnologie e dell’energia. Lo dichiara Alexei Meshkov, ambasciatore della Federazione Russa a Roma “Siamo pronti a offrire condizioni favorevoli per una partnership basata sulla responsabilità reciproca del produttore e del consumatore di energia, su un’equa distribuzione dei rischi, e sullo scambio di attivi azionari nel settore energetico. Un approccio condiviso, mi pare, anche dai nostri colleghi italiani”. Enel metterà a frutto la sua grande esperienza nel settore dell’energia aiutando Rosatom, l’Ente russo per il nucleare, nella modernizzazione di centrali nucleari in Europa orientale e altrove. (fonte Il Sole 24 Ore)