• Articolo , 5 ottobre 2009
  • Wave Trader, l’ibrido marino per l’energia off-shore

  • Green Ocean Energy si apre al mercato della sostenibilità e dell’efficienza, con un altro ingegnoso progetto che trasmette l’energia dal largo degli oceani alla Terra ferma.

(Rinnovabili.it) – Catturare attraverso un unico strumento sia l’energia delle onde che quella del vento, contemporaneamente, oggi si può.
E’ ancora in fase di progettazione il nuovo prototipo chiamato “Wave Trader”:http://www.greenoceanenergy.com/index.php/wave-treader, brevettato dalla società Green Ocean Energy Ltd, impegnata fortemente nello sviluppo di tecnologie per l’accumulo, lo sfruttamento e utilizzo dell’energia sprigionata dagli oceani della Terra.
Evoluzione del precedente “Ocean Trader”:http://www.greenoceanenergy.com/index.php/about e dal quale riprende le due grandi braccia galleggianti (Sponsons), Wave Trader ha in più un sistema di aggancio ad un pilone statico, posto in mare aperto, su cui è montata una turbina eolica o una Tidal Turbine.
Gli Sponson hanno la possibilità di slittare in verticale con le variazioni della marea e ruotare per rimanere allineati nella stessa direzione rispetto alle onde.
Il movimento ondoso, attraverso l’urto delle braccia fluttuanti metterà in funzione un generatore capace di rifornire 25 abitazioni grazie ai 500 kW di potenza; il flusso, attraverso un cavo sottomarino, a cui si addiziona quello ricavato dalla turbina a vento, verrà trasmesso a Terra.
La commercializzazione del brevetto è prevista per il 2012, i due anni che serviranno per la sua piena realizzazione e collaudo.