• Articolo , 23 ottobre 2008
  • Zaratti (Ambiente/Lazio): piano per la qualità dell’aria

  • Un piano quello dell’assessore che individua due obiettivi generali: sia il risanamento della qualità dell’aria che il mantenimento dello standard qualitativo dell’aria stessa

Presentato dall’assessore regionale all’Ambiente Filiberto Zaratti alle parti sociali il Piano di Risanamento della qualità dell’aria elaborato dalla Regione Lazio ”che rappresenta uno strumento indispensabile per combattere l’inquinamento atmosferico”.
”Nel Lazio – ha spiegato l’assessore – i problemi più rilevanti in relazione alla qualità dell’aria sono relativi alle elevate concentrazioni di polveri sottili PM10 e di biossido di azoto NO2 in particolare a Roma e a Frosinone. Si tratta di fenomeni d’inquinamento legati all’inquinamento da traffico veicolare privato, mentre per Frosinone il problema legato all’attivita’ industriale presente in un contesto geografico che non favorisce i ricambi delle masse d’aria”. ”Per risolvere questi problemi il Piano individua due obiettivi generali: il risanamento della qualita’ dell’aria nelle zone dove si registrano superamenti del limite di legge e il mantenimento della qualità dell’aria nel resto del territorio, con misure rivolte alla riduzione delle emissioni, dei consumi e alla promozione delle fonti rinnovabili – prosegue Zaratti – Per i Comuni di Roma e Frosinone, sono previste misure più restrittive, sulla circolazione dei mezzi privati autovetture, motoveicoli e ciclomotori; sulla circolazione dei mezzi di trasporto merci ed è prevista la realizzazione di interventi strutturali come opere per velocizzare il trasporto pubblico, parcheggi di scambio, piattaforme logistiche attrezzate per il trasporto delle merci, con distribuzione finale mediante mezzi leggeri a basso-impatto ambientale”.