• Articolo Firenze, 16 giugno 2017
    • Urban-Waste: il nuovo approccio ai rifiuti delle città turistiche

    • Firenze e altre 10 città europee si trasformeranno in laboratori partecipativi volti a ridurre la quantità di produzione di rifiuti urbani

    urban waste

     

    Gli 11 laboratori di turismo sostenibile di Urban Waste

    (Rinnovabili.it) – Divenire un modello di turismo sostenibile, creando un meccanismo oliato capace di affrontare e prevenire le principali esternalità negative del settore, dagli alti livelli di consumo di risorse e alla produzione di spazzatura. Questo quello che si propongono oggi undici città europee con il progetto Urban-Waste. Da Firenze a Copenaghen, passando per Siracusa, Nizza, Lisbona e Dubrovnik, Urban-Waste si rivolge direttamente ai grandi centri turistici per trasformarli in laboratori partecipativi di gestione dei rifiuti e buone pratiche. L’iniziativa applicherà l’approccio del metabolismo urbano per sostenere il passaggio a un modello economico circolare in cui i rifiuti sono considerati una risorsa e per questo reintegrati nel flusso cittadino. A spiegarne motivazioni e funzionamento è la Regione Toscana, partner del progetto. “Vogliamo rendere maggiormente efficiente il servizio di gestione rifiuti ma anche lavorare molto sulla modalità di prevenzione di produzione del rifiuto soprattutto in casi particolari come Firenze dove si somma la grande città con tutte le sue problematicità ma anche la città turistica – ha detto l’assessore Federica Fratoniquindi con flussi di presenze che nel corso dell’anno oscillano e presentano anche problemi vari”.

     

    >>Leggi tutte le ultime notizie sul tema rifiuti<<

     

    L’aspetto qualificante di Urban-Waste è quello di puntare ad un’azione partecipativa che vede nelle comunità di pratica uno dei fulcri del progetto. Le comunità di pratica o “Community of practice”, sono gruppi sociali spontanei finalizzati al miglioramento collettivo. In questo caso coinvolgeranno cittadini ed attori locali che operano del turismo, dell’associazionismo locale e lungo tutta la catena del valore” dei rifiuti. In Toscana alla Comunità di Pratica hanno già aderito il Comune di Firenze, la Città Metropolitana di Firenze, i quattro Comuni del Chianti fiorentino, Alia Spa, Cispel, Ato Toscana Centro, il Dipartimento di Ingegneria industriale -Unifi, Confindustria, Confesercenti , Assohotel, Federagit, Fiepet, Federalberghi, Turismo senza barriere, Legambiente, A.R.R.R., Camera di Commercio – Albo gestori ambientali, Firenze Marathon.

     

    “La filosofia – continua Frantoni – è sempre quella: intervenire su un servizio pubblico essenziale che ha le sue problematicità specifiche e che ha bisogno di essere non solo ulteriormente indagato ma anche affrontato in un’ottica di sistema con il concorso di tutti gli operatori, i soggetti che ogni giorno si occupano di questa tematica in modo diretto come il gestore, o in modo indiretto come gli operatori turistici per offrire una qualità del servizio in sé e di sostenibilità ambientale a cittadini e turisti. E’ giusto per questo che lo sforzo sia sinergico”.

     

    L’analisi del metabolismo urbano per quantificare l’impatto del turismo (e non solo) permetterà di definire azioni concrete di lotta agli sprechi e comunicazione. Si andrà dal coinvolgimento di ristoranti e alberghi con servizi di ristorazione nella realizzazione di azioni specifiche (es. doggy bag, prezzi maggiorati per avanzi da servizi a buffet) alla costituzione di una rete di bar che offrono gratuitamente il servizio di «riempimento borracce» con acqua di rete. Inoltre in tutte le aree pilota coinvolte, sarà inoltre promosso l’utilizzo di una WASTE APP, sviluppata con la medesima impostazione per tutte le 11 città, per fornire informazioni ai turisti sulle modalità di raccolta rifiuti, sulla localizzazione dei contenitori per la raccolta e sulle altre azioni di progetto. La APP è basata sul concetto di «gamification»: a ogni azione virtuosa corrispondono dei punti con cui poter accedere a premi come biglietti gratuiti su mezzi pubblici o di ingresso a musei, gadget, sconti in bar, ristoranti o strutture ricettive.

    Tutte le News | Toscana
    energy efficiency20 aprile 2017

    Alle imprese toscane un bando da 4mln per l’efficientamento energetico

    Per le micro e piccole imprese il contributo massimo sarà il 40% delle spese ammissibili, per le medie imprese il 30%, per le grandi imprese il 20%

    Postazione_Rricarica_Bosch04 maggio 2016

    Dalla Toscana contributi per le colonnine elettriche

    La regione pubblica un nuovo bando per il cofinanziamento di progetti dedicati alla realizzazione di impianti di ricarica dell’auto elettrica

    05 febbraio 2016

    Agricoltura 2.0: 100mila orti urbani digitali per la Toscana

    Approvato le linee guida per la realizzazione dell’iniziativa “Centomila orti in Toscana”. Gli spazi dedicati saranno dedicati all’agricoltura biologica e verranno dotati di wifi

    Efficienza energetica04 novembre 2015

    Efficienza energetica: fondi alle imprese toscane colpite da calamità

    La Toscana presenterà a dicembre un bando da 3 milioni di euro, destinato alla promozione di progetti di efficienza energetica per gli edifici sedi di attività economica

    Treno e sostenibilità: bonus acquisto bici per i pendolari05 ottobre 2015

    Treno e sostenibilità: bonus acquisto bici per i pendolari

    La giunta ha approvato la delibera che dà il via al progetto “In bici col treno”, per incentivare l’uso delle due ruote per pendolari e turisti

    Toscana19 gennaio 2015

    Efficienza energetica: 130 mln alle imprese che innovano

    Nel nuovo ciclo di fondi previsto anche uno stanziamento di 40 milioni a favore di risparmi sugli edifici pubblici

    Toscana10 dicembre 2014

    Geotermia ad alta entalpia nelle aree tradizionali

    Bramerini: “Uno sviluppo previsto dall’emendamento al PAER sulla geotermia in Toscana”

    12