• Articolo Aosta, 16 febbraio 2016
    • Concessioni idroelettrico, la Valle d’Aosta anticipa la scadenza dei limiti

    • I termini di applicabilità delle limitazione sul rilascio delle nuove concessioni di derivazione  ad uso idroelettrico scadranno il 31 dicembre 2016 anziché il 31 dicembre 2017

    Nuove concessioni idroelettrico, la Valle d’Aosta anticipa la scadenza dei limiti

     

    (Rinnovabili.it) – La Valle d’Aosta anticipa di un anno la scadenza delle limitazioni alle domande per nuove subconcessioni in ambito idroelettrico.  Lo fa sapere in questi giorni la Giunta regionale che ha deciso di modificare le limitazioni al rilascio di nuove concessioni assunte con una delibera dello scorso ottobre 2015 in cui fissava al 31 dicembre 2017 il termine della moratoria sul rilascio delle nuove concessioni di derivazione ad uso idroelettrico.

    Contro il provvedimento dell’amministrazione si era schierata l’Associazione italiana delle imprese idroelettriche che aveva presentato ricorso al Tribunale superiore delle acque pubbliche coinvolgendo anche l’Autorità Garante della libera concorrenza e del mercato. In seguito all’esposto il 22 gennaio scorso si è tenuto a Roma un incontro – richiesto dalla Regione – in cui sono stati forniti  tutti gli elementi tecnici richiesti a chiarimento della posizione regionale. In quella sede – spiega l’amministrazione – è stato riaffermato che le risorse idriche presenti sul territorio della Regione, in quanto esauribili, costituiscono un patrimonio di alto valore ambientale, culturale ed economico da tutelare e da utilizzare salvaguardando i diritti e le aspettative delle generazioni future.

     

    “Ci sono stati fatti una serie di rilievi rispetto a quella delibera che in qualche modo voleva tutelare i comuni e le nostre partecipate, che voleva prevedere dal punto di vista ambientale questo prosegue della moratoria, secondo l’Antitrust era in contrasto con i principi di libera concorrenza” ha spiegato oggi in Giunta l’Assessore regionale alle Opere pubbliche, Mauro Baccega. Con la delibera però, la Giunta conferma la cosiddetta moratoria per le nuove domande di derivazione approvata con la deliberazione 1436/2015 sino all’approvazione del PTA e non oltre, comunque, al 31 dicembre 2016.

     

    “Con la delibera – aggiunge Baccega – si conferma l’ampliamento del periodo di prelievo delle derivazioni esistenti utilizzate per altri scopi, in particolare quelli irrigui e si dà ai consorzi di miglioramento fondiario la possibilità di attivare iniziative nel campo idroelettrico che possano essere remunerative; inoltre, si possono  riattivare impianti esistenti che non necessitano di nuove opere e si dà  la possibilità di derivare direttamente dagli organi di scarico. Importanti sono l’introduzione del meccanismo di riscontro degli abusi finalizzato alla dichiarazione di decadenza della subconcessione e l’introduzione della clausola di esclusione della sanzione nel caso di supero delle portate di prelievo nel periodo di durata dell’istruttoria della domanda di potenziamento dell’impianto idroelettrico”.

     

    Tutte le News | Valle d'Aosta
    Sovra sfruttamento idroelettrico: un appello nazionale per dire NO12 ottobre 2015

    Idroelettrico, da Valle d’Aosta moratoria su subconcessioni

    Baccega: «I nuovi indirizzi per la valutazione delle domande di derivazione di acqua a scopo idroelettrico e la relativa moratoria si applicano sino all’approvazione dell’aggiornamento del Piano regionale di tutela delle acque»

    Tor_de_geants14 settembre 2015

    Con ECOLO TOR il “trail più duro al mondo” sposa il riciclo

    Parte il progetto della Valle d’Aosta per monitorare la produzione dei rifiuti nel Tor des Géants

    image005 (1)07 settembre 2015

    Dalla Valle d’Aosta un concorso di idee sulla dematerializzazione

    Tra le iniziative che l’Assessorato organizza per la Settimana Europea per la Riduzione dei Rifiuti 2015, vi è l’indizione di un concorso di idee sul tema della dematerializzazione

    Valle d'Aosta02 febbraio 2015

    Si chiude il progetto europeo Eco innovation en altitude

    Verrà presentata l’indagine condotta da Fondazione Montagna Sicura relativamente alle pratiche di adattamento e di messa in sicurezza degli accessi ai rifugi

    albert1er-jpg (1)11 novembre 2014

    Ecoinnovazione ad alta quota nelle Alpi

    Presentati i risultai del progetto italo francese Eco Innovation en altitude, per una gestione sostenibile dei rifugi in quota

    Valle d'Aosta30 agosto 2013

    Approvata un’integrazione alla direttiva in materia di emissioni

    Bianchi: “L’integrazione si è resa necessaria a seguito dell’emanazione da parte dello Stato del d.P.R. 59/2013”