• Articolo Roma, 31 ottobre 2016
    • COP sui cambiamenti climatici: la strada percorsa fino a oggi

    • Alla vigilia della COP22 di Marrakech ripercorriamo le tappe salienti di quelli che sono stati oltre vent’anni di lotta climatica, tra successi e irrimediabili sconfitte

    COP-22-Marrakech-Marrakesh-SejourMaroc(Rinnovabili.it) – Al vertice su clima di Marrakech si giocherà una partita fondamentale per il Pianeta. Dal 7 al 18 novembre i delegati di 196 Paesi nel mondo si riuniranno per iniziare il vero lavoro di lotta ai cambiamenti climatici. Sul rotto della cuffia, le nazioni sono riuscite ad approvare l’Accordo di Parigi – che entrerà in vigore il 4 novembre -prima dell’inizio della COP 22 del Marocco. La condizione chiave era che il trattato venisse ratificato da più di 55 paesi responsabili nel complesso del 55% delle emissioni mondiali. Obiettivo raggiunto, in una sorta di corsa contro il tempo, che ha però alle spalle oltre 25 anni di lavori e 21 vertici sui cambiamenti climatici. Era, infatti, il 1995 l’anno in cui si tenne la prima Conferenza delle parti della Convezione Onu sul climate change (UNFCCC). Lo stesso accordo deve la sua nascita allo storico Summit per la Terra di Rio de Janeiro, nel 1992.

    Da allora oggi i vertici dell’UNFCCC hanno scritto la storia della lotta al climate change, tra successi e fallimenti, pietre miliari e accordi di comodo. E per capire cosa è davvero in gioco sul tavolo marocchino della COP22 abbiamo deciso di dare un rapido sguardo ai risultati più importanti che hanno segnato la timeline delle COP sui cambiamenti climatici.

     

    1995 – Cop 1 di Berlino

    First-UN_Climate_Change_Conference_COP1_1995_Berlin2

     

    Per tradizione le conferenze delle parti dell’UNFCC si tengono le prime settimane di dicembre; il primo vertice ONU sul clima tuttavia è organizzato dal 28 marzo al 7 aprile 1995, mantenendo basso il livello di impegno richiesto. I delegati si limitano infatti a sottolineare come gli impegni specifici della Convenzione non siano adeguati per i Paesi industrializzati, andando a caratterizzare il ruolo dei due organismi chiave per l’UNFCCC:  l’SBSTA che rappresenta l’organismo di supporto dedicato a digerire gli aspetti tecnici e scientifici funzionali al negoziato politico, e l’SBI, deputato a monitorare quanto le Parti stiano effettivamente applicando le decisioni e gli impegni presi in precedenza.

    RISULTATO: Bicchiere mezzo pieno

     

     

    1997 – COP3 di Kyoto

    kyoto_protocol

     

    Dopo due anni e mezzo di intese negoziazioni arriva la prima vera svolta, con l’approvazione del protocollo di Kyoto, il primo trattato al mondo di riduzione delle emissioni di gas a effetto serra. Gli Stati Uniti si rifiutarono tassativamente di ratificare l’atto che stabiliva impegni di riduzione delle emissioni per i soli Paesi sviluppati, in linea con il principio delle “responsabilità comuni ma differenziate” fra gli Stati. Gli impegni prevedono una prima fase di riduzione delle emissioni relativamente al periodo 2008-2012 rispetto ai livelli del 1990. Nel 2011 il Canada ci ripensa e, ad solo anno dal termine ultimo, esce dal Protocollo.

    RISULTATO: Primo successo

     

     

    2007 – COP13 di Bali

    bali

     

    Dal 1998 fino alla vertice ONU di Bali, i lavori riguardano principalmente la definizione e messa a punto di metodologie e procedure d’attuazione del Protocollo di Kyoto, formalizzando gli  accordi sui 3 meccanismi principali: l’Emissions Trading, il Clean Development Mechanism e la  Joint Implementation.

    La COP13 inizia invece a smuovere le acque e adotta la Bali Road Map, tracciando finalmente il percorso  verso il nuovo processo negoziale per affrontare il cambiamento climatico in maniera “condivisa”.  Nel “Bali Action Plan”, il documento conclusivo della COP, la parti stabiliscono, anche a seguito delle maggiori certezze degli effetti antropici sul sistema clima (derivate dal 4° rapporto dell’IPCC), di accelerare le trattative per arrivare, entro il 2009, alla definizione di impegni vincolanti globali.

    RISULTATO: Bicchiere mezzo pieno

     

     

     

    2008 – COP14 di Poznan

    DSC_6191-cop14

     

    La Conferenza delle Parti di Poznan, in Polonia, compie importanti passi verso la definizione di meccanismi di supporto ai Paesi in via di sviluppo, tra cui il Fondo di adattamento nel quadro del protocollo di Kyoto e lo Strategic Program on Technology Transfer, programma per promuovere gli investimenti nel trasferimento di tecnologie ambientalmente compatibili.

    I delegati inoltre negoziano una proposta di emendamento del Protocollo di Kyoto per ulteriori impegni post 2012, in maniera da arrivare ad un Kyoto-bis alla COP15. Infine si formalizza l’introduzione del tema REDD+ (riduzione delle emissioni dalla deforestazione e degrado forestale): il meccanismo REDD+  prevede il conteggio della protezione delle foreste nel calcolo delle emissioni di carbonio, e la COP dà il suo consenso a studi di metodologia, che permettano di stabilire scenari di riferimento per poter rendere questi sforzi misurabili e comparabili. Peccato che all’ultimo Nuova Zelanda, Australia, USA e Canada facciano pressione per rimuovere tutti i riferimenti ai diritti delle popolazioni indigene precedentemente inseriti nel testo.

    RISULTATO: Nulla di fatto

     

     

    2009 – COP15 di Copenhagen

    COP15-A-Haitian-delegatio-001

     

    Le grandi aspettative che negli anni avevano caricato il processo negoziale, trovano un muro invalicabile al vertice Onu in Danimarca. L’obiettivo della COP era quello di stabilire un ambizioso accordo globale sul clima per il periodo dal 2012, tuttavia  le tre pagine dell’accordo di Copenhagen non fanno altro che rimandare il compito al 2015. Il testo finale, messo a punto dai capi di stato di USA e Cina, con il contributo di India, Brasile e Sud Africa, introduce per la prima volta in maniera ufficiale la necessità di evitare il superamento della soglia dei 2 °C nell’aumento delle temperature del pianeta.

    Alla fine del documento si cita anche l’esigenza  di valutare l’attuabilità o meno di  un limite ancora inferiore (1,5°C) e si prevede di stabilire il Fondo Verde per il clima, ovvero un impegno finanziario (30 miliardi di dollari l’anno tra il 2010 e il 2012 e 100 miliardi di dollari a partire dal 2020) da parte dei Paesi industrializzati nei confronti delle nazioni più povere. Nulla tuttavia è precisato circa la gestione di questi fondi.

    Poiché l’intesa è raggiunta solo dai capi di stato e mancando il consenso unanime tra i negoziatori necessario per l’adozione formale, la Conferenza delle Parti può solo prendere nota di questo accordo, e di conseguenza, esso non risulta vincolante, né operativo.

    RISULTATO: Un fallimento completo

     

     

     

    2010 – COP16 di Cancun

    DSC_2717 clap

     

    La COP messicana porta all’approvazione di un pacchetto di misure per aiutare le nazioni in via di sviluppo in materia di cambiamenti climatici. Le Parti lanciano il Fondo Verde per il Clima ma il testo non fa cenno tuttavia alle modalità con cui recuperare questo denaro e con cui gestirlo.

    Nessuna decisione neppure riguardo al secondo periodo adempimento del Protocollo di Kyoto ma i Governi firmatari stabiliscono che bisognerà tagliare le emissioni di gas serra dal 20% al 40% al 2020. Vengono istituiti tre organismi: il Technology Executive Committee con il compito di stabilire le strategie per il trasferimento delle tecnologie, il Climate Technology Centre con il compito di organizzare le attività e il Climate Technology Centre and Network con lo scopo di attuare gli interventi.

    Con l’intenzione di fornire utili linee guida e know how per attuare azioni di adattamento, l’intesa di Cancun crea un nuovo quadro di riferimento (Adaptation Framework) e un Comitato per l’Adattamento (Adaptation Committee).

    Particolarità: la Bolivia è l’unico paese a non firmare il documento di chiusura della Cop 16. Il suo Presidente Evo Morales contesta duramente il patto raggiunto definendolo un accordo “vuoto” e promettendo di portarlo davanti alla Corte Internazionale di Giustizia.

    RISULTATO: Un successo simbolico

     

     

    2012 – COP18 di Doha

     

    8234042347_533b7699e1_b

     

    La 18° sessione negoziale della Conferenza riesce ad assicurare una seconda stagione al Protocollo di Kyoto (in scadenza lo stesso anno) estendendolo fino al 2020; stagione da cui tuttavia si defila la maggior parte dei paesi industrializzati. Alla fine, ad accettare il Kyoto bis sono unicamente Unione Europea, Australia, Svizzera e Norvegia, responsabili insieme solo del 15-20 per cento delle emissioni di gas serra.

    Al vertice di Doha va però il merito d’aver approvato il meccanismo sul “Loss and Damage”, stabilendo per la prima volta che le nazioni ricche debbano assumersi l’onere economico dei danni climatici subiti dalle nazioni povere, (ma solo dopo essersi premurati di rinviare a negoziati successivi la decisione finale sul pacchetto di aiuti).

    Infine Germania, Regno Unito, Francia, Danimarca, Svezia e la Commissione europea promettono impegni finanziari per il periodo fino al 2015, per un totale di circa 6 miliardi di dollari all’interno del Fondo Verde per il Clima.

    RISULTATO: Raggiunto l’obiettivo minimo

     

     

    2013 – COP19 di Varsavia

    cop-19

     

    La Conferenza delle Parti XIX Varsavia compie passi avanti su alcuni risultati importanti ma un nulla di fatto su molte altre decisioni necessarie. I principali outcome sono la definizione delle tappe intermedie in vista del nuovo accordo da adottare a Parigi 2015 e l’istituzione – dopo ben 8 anni di negoziazioni – del “Warsaw Framework for REDD+”, un quadro di decisioni sugli aspetti organizzativi, istituzionali e tecnico-scientifici di un meccanismo di contrasto alla deforestazione nei Paesi in via di sviluppo.

    Inoltre, le Parti approvano il “Warsaw International Mechanism for loss and damage associated with climate change impacts”, per affrontare la questione dei danni ambientali derivanti da eventi climatici estremi. Infine stabiliscono gli aspetti operativi del funzionamento del Fondo Verde per il Clima che rimane, tuttavia, ancora praticamente vuoto.

    RISULTATO: Raggiunto compromesso al ribasso

     

     

    2014– COP20 di Lima

    PERU-COP20-CMP10-KYOTO-PROTOCOL-PULGAR

     

    In Perù i negoziati tornano ad occuparsi dei finanziamenti climatici ed in particolare degli aspetti distributivi del Fondo Verde per il Clima (quanto riceveranno e quanto contribuiranno i Paesi in via di sviluppo). Intanto, seppur con difficoltà, le nazioni raggiungono la prima tappa del fondo, impegnando 10,2 miliardi di dollari.

    Il più importante punto stabilito nella quattro pagine della Lima Call for Climate Action (il documento finale adottato dalla COP20) è la decisione che tutti i governi presentino all’ONU i rispettivi piani nazionali per frenare le emissioni di gas serra – i cosiddetti Intended Nationally Determined Contributions (INDCs) – entro il termine informale del 31 marzo 2015.

    Nel documento è inserito come allegato un testo che contiene gli “elementi di riferimento” per la formulazione di una prima bozza del trattato da negoziare alla COP21 ma, guardando da vicino, non dice nulla di più di quanto già scritto nel documento finale di Varsavia di cui copia ampi stralci.

    Questioni essenziali come Loss and Damage (il riferimento è cancellato dal testo nelle ore finali dei negoziati) e il contenuto e la natura degli impegni di mitigazione, sono relegate ai colloqui di Parigi 2015.

    RISULTATO: insoddisfacente

     

     

    2015– COP21 di Parigi

    2015 co21 parigi

     

    La ventunesima Conferenza delle Parti di Parigi porta a casa il primo grande risultato, ossia un patto climatico globale e condiviso, realizzato a partire dagli INDC forniti dai 196 Paesi membri dell’UNFCCC, di cui riconosce però la poca efficacia pratica. Ma per mettere tutti d’accordo il Paris Agreement si lascia andare a un po’ troppe concessioni: non è realmente vincolante e si basa principio della responsabilità comune ma differenziata. L’obiettivo inderogabile è quello di mantenere l’aumento della temperatura «ben al di sotto dei 2 °C», con la raccomandazione a fare di più (per uno scenario sotto 1,5 ° C). Una delle disposizioni chiave dell’accordo è la creazione di un meccanismo di revisione per gli impegni dei vari paesi: avrà luogo ogni cinque anni, nell’ottica di aumentarne progressivamente l’ambizione, ma per ora nessuna data d’inizio è stata fissata.

    Zero porgessi sui finanziamenti climatici – il documento ribadisce i 100 miliardi di dollari da stanziare dal 2020 al 2025 – così come sulla messa al bando delle fonti fossili. L’accordo di Parigi preferisce, infatti, puntare alla formula vaga della “neutralità climatica”, chiedendo il raggiungimento del picco di emissioni «il prima possibile». Infine, al meccanismo per il Loss and Damage si chiede di istituire una task force che «sviluppi raccomandazioni per evitare, ridurre al minimo e affrontare» le migrazioni relative agli impatti negativi dei cambiamenti climatici. Facendo ben attenzione a sottolineare come ciò non comporti o fornisca «alcuna base per qualsiasi responsabilità o compensazione».

    RISULTATO: successo di facciata

    Tutte le News | specialeCOP21
    L’Italia non ha fretta sull'Accordo di Parigi09 settembre 2016

    L’Italia non ha fretta sull’Accordo di Parigi

    Realacci: “l’Italia sta rispettando gli impegni presi in sede europea sul clima, ma è purtroppo in ritardo sulla ratifica dell’Accordo di Parigi”

    Due anni per avviare il motore dell'accordo sul clima 227 maggio 2016

    Due anni per avviare il motore dell’accordo sul clima

    Alla conclusione del ciclo di negoziati UNFCCC, i delegati concordano che per l’entrata in vigore dell’accordo sul clima dovremo attendere il 2018

    Clima al vertice di Bonn i diritti umani non sono in agenda 325 maggio 2016

    Clima: al vertice di Bonn i diritti umani non sono in agenda

    I negoziati sul clima proseguono a passo di lumaca. Si cercano i fondi per finanziare l’adattamento, senza vincolarli al rispetto dei diritti

    Clima la Francia avvia per prima la ratifica dell'accordo di Parigi 218 maggio 2016

    Clima: la Francia avvia per prima la ratifica dell’accordo di Parigi

    La Camera dei Deputati ha votato all’unanimità il ddl che innesca il processo di ratifica delle misure contenute nel patto sul clima

    26955311522_af8c18d8dd_q16 maggio 2016

    Verso la COP22: al via la Conferenza di Bonn sul climate change

    I governi metteranno sul tavolo i prossimi passi dell’agenda climatica. Obiettivo: accelerare l’entrata in vigore dell’Accordo di Parigi, firmato lo scorso 22 aprile da 177 parti

    Cambiamento climatico adattarsi costerà 5 volte di più 411 maggio 2016

    Sottostimati i fondi per l’adattamento al cambiamento climatico

    Per proteggere le comunità più vulnerabili dagli effetti catastrofici del cambiamento climatico servono 5 volte i soldi stimati dalla Banca Mondiale

    A New York 170 Paesi firmano l'accordo sul clima 322 aprile 2016

    A New York 170 Paesi firmano l’accordo sul clima

    Il primo passo verso la ratifica dell’accordo sul clima di Parigi è stato fatto. Ma la priorità è aumentare gli impegni presi