“Reinventa la toilette”, il bagno a microonde vince la sfida di Bill Gates

Il concorso ha assegnato il 1° premio alla toilette che sfruttando le microonde produce syngas per alimentare fuel cell

(Rinnovabili.it) – Scarsa igiene e denutrizione sono tra le principali cause di morte nelle popolazioni del Terzo Mondo. Per far fronte a tali problematiche la Fondazione Bill & Melinda Gates ha messo a disposizione tramite il concorso “Reinventa la toilette” una borsa di studio per cui hanno presentato innovativi progetti ben 22 università invitate a proporre idee per nuovi bagni pubblici o privati che, senza bisogno di acqua e allaccio alle fognature, siano allo stesso tempo igienici e sicuri. Grazie al concorso sarà quindi presto possibile avere a disposizione per le economie disagiate un nuovo sanitario che sarà in grado di trasformare i rifiuti organici umani in energia, acqua pulita e sostanze nutritive senza bisogno di allacciarsi alla rete elettrica nazionale e quindi dando un servizio alle 2,6 miliardi di persone che vivono in condizioni disagiate. I costi bassissimi di utilizzo, che si aggirano intorno agli 0,05 centesimi di dollaro per utente al giorno, portano con loro il vantaggio di mettere a disposizione un WC perfettamente igienico che non emette inquinanti ma esclusivamente energia e sostanze nutritive.

Le idee arrivate alla Fondazione sono molteplici, anche se accomunate da uno stesso obiettivo: igiene ed energia. Tra le 8 proposte finaliste il lavoro del professor Andrew Cotton di Loughborough University che consiste nel costruire una toilette che produce carbone biologico, minerali e acqua pulita. A seguire la proposta rivelatasi la vincitrice della borsa di studio del Prof. Georgios Stefanidis e il suo team di Delft University of Technology che mira a trasformare la toilette in un generatore di energia elettrica trattando i reflui umani con delle microonde. I rifiuti verranno poi gassificati mediante l’impiego di plasma dando origine ad una miscela di monossido di carbonio (CO) e idrogeno (H2) conosciuta come syngas che verrà impiegato per alimentare le celle a combustibile generatrici di energia mentre la terza ipotesi consiste in un depuratore di urina che dalla lavorazione ricava acqua potabile.

Articolo precedenteLe tre erre di COOU
Articolo successivoOnde elettromagnetiche, una “rete” catturerà la loro energia