Acqua da bere per tutti e maggiore protezione, l’Ue vuole che sia più sicura e accessibile

Il Consiglio dell’Unione Europea ha adottato la proposta di revisione della direttiva sull’acqua potabile. Le modifiche all’attuale direttiva aumenteranno il livello di protezione per l’ambiente e per la salute umana

acqua da bere
Image by Alexas_Fotos from Pixabay

di Tommaso Tetro

(Rinnovabili.it) – Garantire l’acqua potabile, e un accesso sicuro, a tutti. Questo l’obiettivo dell’Ue che ha adottato – nel corso del Consiglio dell’Unione Europea – formalmente la sua posizione in prima lettura sulla revisione della direttiva sull’acqua potabile. Con l’adozione delle modifiche all’attuale direttiva sull’acqua potabile aumenterà il livello di protezione per l’ambiente e la salute umana.

La risorsa idrica viene ritenuta, naturalmente, essenziale; è per questo che gli standard sono stati aggiornati – raggiunte sulla base del compromesso dei negoziati tra il Consiglio e il Parlamento europeo – ed è stato introdotto un approccio basato sul rischio in relazione al monitoraggio dell’acqua e al miglioramento delle informazioni sulla qualità dell’acqua messe a disposizione dei consumatori e dei cittadini dell’Ue.

Leggi anche Troppa o poca acqua, l’Italia è in ritardo sulle infrastrutture per una corretta gestione

Le nuove norme aggiornano gli standard qualitativi previsti per l’acqua potabile e introducono un approccio basato sul rischio ed efficace sotto il profilo dei costi per quanto concerne il monitoraggio della qualità dell’acqua. Sono stati anche introdotti requisiti minimi di igiene per i materiali che entrano a contatto con l’acqua potabile, per esempio le condutture. L’intento è migliorare la qualità di questi materiali per proteggere la salute umana ed escludere qualsiasi contaminazione. In particolare la posizione del Consiglio è una risposta alla crescente preoccupazione per gli effetti degli interferenti endocrini, dei prodotti farmaceutici e delle microplastiche sulla salute umana istituendo un meccanismo dell’elenco di controllo, così da trovare nuove conoscenze e impatti sulla salute umana.

Questa revisione è la conseguenza diretta dell’iniziativa dei cittadini europei ‘Right2Water’. La commissione ha adottato la proposta di rifusione della direttiva sull’acqua potabile il primo febbraio 2018. Il 5 marzo 2019 il Consiglio ha adottato la sua posizione su quella proposta. Il 18 dicembre 2019 il Consiglio e il Parlamento europeo hanno raggiunto un accordo provvisorio, confermato dagli ambasciatori degli Stati membri dell’Ue il 5 febbraio 2020.

Leggi anche Dal MIT il sistema solare che produce acqua potabile dall’aria

Adesso la posizione adottata verrà trasmessa al Parlamento europeo; sarà oggetto di un annuncio in plenaria del Parlamento europeo, di una votazione in Commissione Ambiente e infine di una votazione da parte della plenaria del Parlamento europeo. La direttiva entrerà in vigore 20 giorni dopo la pubblicazione in Gazzetta ufficiale dell’Unione europea.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui