Arsenico nell’acqua sopra i livelli in 101 comuni tra Lazio e Toscana

La concentrazione di arsenico in 90 Comuni del Lazio e in 11 della Toscana, non riesce a rientrare entro i limiti stabiliti dalla legge, i 10 microgrammi per litro. A questi Comuni si applica la deroga che alza il tetto massimo a 20 microgrammi per litro

arsenico nell'acqua

 

Troppi comuni sforano i livelli legali di arsenico nell’acqua

(Rinnovabili.it) -L’emergenza arsenico nell’acqua continua in ben 101 Comuni del Lazio e della Toscana. Lo dice l’Istituto di ricerca sulle acque del Consiglio nazionale delle ricerche (Irsa-Cnr) sulla base di una elaborazione Cittadinanzattiva-Legambiente. La concentrazione di arsenico in 90 Comuni del Lazio e in 11 della Toscana, non riesce a rientrare entro i limiti stabiliti dalla legge (10 microgrammi per litro); i Comuni quindi possono essere beneficiati dalla deroga che alza il tetto massimo a 20 microgrammi per litro.

Sono in tutto 963mila le persone che beneficiano della deroga del limite massimo. Nel Lazio le zone più interessate sono ViterboLatina e Roma, mentre in Toscana la zona interessata è la provincia di Livorno seguita da quelle di Arezzo, Pisa e Siena. “In Italia l’acqua è di buona qualità tanto che abbiamo il terzo posto in Europa”, spiega il direttore dell’Isra-Cnr, Vito Felice Uricchio specificando che la presenza di arsenico nell’acqua è “abbastanza diffusa ed è legata all’assetto geologico”. Parliamo quindi dell’origine vulcanica delle rocce, oppure all’azione dell’uomo legata quindi all’industria o all’uso di erbicidi.

 

Ma quello dell’arsenico nell’acqua è un problema diffuso su tutto il territorio italiano: anche Piemonte, Lombardia, Veneto, Emilia Romagna, Campania e Sardegna ne sono interessate ma, come spiega  Uricchio, il problema viene aggirato prelevando “acqua di ottima qualità da invasi, laghi e altri bacini”.

Intanto il Codacons -Coordinamento delle associazioni per la difesa dell’ambiente e dei diritti degli utenti e dei consumatori –  sta valutando  iniziative legali in difesa della popolazione e del territorio. “Chi negli anni ha concesso deroghe a ripetizione per la messa a norma delle acque laziali è responsabile dei danni prodotti ai cittadini e all’ambiente – afferma il presidente Carlo Rienzi – consentire lo sforamento dei limiti di arsenico in un bene primario come l’acqua, oltre ad essere una follia, potrebbe addirittura configurare veri e propri reati, da quello di inquinamento ambientale al reato di commercio e distribuzione di sostanze nocive. Senza contare eventuali danni fisici alle persone che hanno consumato acqua contaminata da arsenico”.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui