“Artic Harvester”, col disgelo crescono frutta e verdura

Nella città galleggiante “Artic Harvester” sfruttando le acque provenienti dal disgelo degli iceberg e dei ghiacciai si potrà alimentare la coltivazione di frutta e verdura

"arctic harvester"(Rinnovabili.it) – Il disgelo potrebbe essere presto utilizzato come una risorsa. Un progetto architettonico francese battezzato “Artic Harvester” potrebbe infatti presto impiegare l’acqua proveniente dai ghiacciai per la produzione di energia e la coltivazione di cibo in una città dei ghiacci.

L’idea è venuta ad un gruppo di studenti che si sono ispirati alle comunità che abitano in Groenlandia. “Siamo rimasti colpiti dall’idea che gli iceberg rappresentino ecosistemi localizzati molto ricchi, un sorta di oasi in un luogo dove le risorse e i prodotti scarseggiano” ha dichiarato uno dei responsabili dell’iniziativa, Meriem Chabani.

 

Nella città “Artic Harvester” ideata l’acqua dolce derivante dallo scioglimento dei ghiacci verrebbe utilizzata nelle serre idroponiche per far crescere frutta e verdura nelle serre idroponiche per poi alimentare le popolazioni costiere. Così, questo sistema potrebbe essere utilizzato acqua dolce iceberg nelle serre idroponiche per crescere frutta e verdura, che sarebbe poi essere consegnati alle città lungo la costa. “La navata centrale della ‘città’ rappresenterebbe allora il cuore del processo di produzione agricola, della sua produzione di energia sostenibile e di un giardino del ghiaccio, offrendo spazi sociali e serre galleggianti comunali libere per essere utilizzate dagli abitanti” lo studente ha registrato. Inoltre, questo progetto ha spazio per ospitare una popolazione di 800 persone. In questo senso, Chabani ha spiegato, l’intenzione è di “esplorare i limiti che questa fattoria idroponica è in grado di fornire, non solo per l’agricoltura ma anche per la ricerca e la produzione di energia pulita per soddisfare i bisogni di una comunità.”