Imparare a stare in sella con la bici che viene dal riciclo di moquette

Le fibre di nylon dei tappeti danno vita a una bici senza pedali disegnata appositamente per i bambini alle prime armi con la mobilità dolce

Imparare a stare in sella con la bici che viene dal riciclo di moquette

 

(Rinnovabili.it) – Da vecchi tappeti logori a nuove tricicli di design. A New York il riciclo prende una strada inaspettata, trasformando uno tra i più ingombranti rifiuti prodotti in casa in una tre ruote appositamente disegnata per i bambini alle prime armi. Parliamo di Wishbone Bike Recycled Edition (RE), bici ideata e realizzata dalla omonima società di progettazione Wishbone design. Jenny McIver e suo marito Rich – i fondatori della società – non hanno solo avuto l’idea, hanno anche sviluppato la tecnologia che permette trasformare le fibre dei tappeti e dei rivestimenti in moquette in tubolari polimerici rigidi da cui ottenere il prodotto finale. “Usiamo moquette residenziale di seconda mano – spiegano i due designer sul proprio sito – Viene recuperata dalle abitazioni negli Stati Uniti, rasata per rimuovere il supporto, e quindi ridotta in piccole particelle”. Nel dettaglio, dopo essere state tolte dalla base, le fibre di nylon e propilene che costituiscono la moquette vengono trasformate separatamente tramite un processo brevettato di triturazione e sterilizzazione, e successivamente riscaldate fino a trasformarle in liquido. Il sistema di riciclo aggiunge quindi fibra di vetro per migliorare la resistenza e la rigidità, trasformando il tappeto in milioni di piccole palline di resina, pronte per essere stampate in forme organiche. “Ma non ci fermiamo lì”, spiega McIver. “Lo stampaggio ad iniezione tramite l’ausilio del gas ci permette di creare forme tubolari complesse costituite da un unico pezzo”. La coppia ha trascorso quasi tre anni a sviluppare tecnologia e design, “dando alla luce”, l’anno scorso, al primo triciclo interamente ottenuto da materiale post-consumo riciclato.
In termini concreti, questo è significato due chili di moquette.

 

In realtà negli Stati Uniti, il riciclaggio dei tappeti sta rapidamente crescendo, al punto di aver fatto nascere CURE, una partnership tra il governo e le imprese private, per recuperare il 30% di moquette usata e farla tornare sul mercato come nuovi filati e resine. Secondo i dati riportati dalla stessa organizzazione, solo nel 2012, sono stati evitati alla discarica 1,6 milioni di tonnellate di tappeti sintetici.

Articolo precedenteSmart city: il modello di calcolo per trovare gli investimenti migliori
Articolo successivoInquinamento atmosferico: 250mila morti l’anno, in Cina è airmageddon

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui