Contro la perdita di biodiversità, la COP15 di Montréal deve arruolare le aziende

Un sondaggio su quasi 8mila aziende preparato da Carbon Disclosure Project rivela che il 56% delle compagnie è d’accordo con l’introduzione di disclosure sulla performance in tema biodiversità, o lo sta già facendo. C’è però un enorme gap tra promesse e azioni

Perdita di biodiversità: luci e ombre dell’impegno delle aziende
Photo by Jean-Louis Aubert on Unsplash

La perdita di biodiversità è una crisi strettamente intrecciata con quella climatica

(Rinnovabili.it) – La maggior parte delle aziende considera il tema della perdita di biodiversità nelle sue strategie. Ma più della metà, di fatto, non compie alcuna azione concreta per tutelarla. La diversità biologica, insomma, non è un vero punto cieco per il settore corporate, anche se i margini di miglioramento sono enormi. È il messaggio che Carbon Disclosure Project (CDP) lancia alla COP15 che sta per iniziare a Montréal per fissare i nuovi target globali di protezione della biodiversità con orizzonte 2030.

Quanta ambizione può avere questo nuovo Global Biodiversity Framework? Molta, e può anzi deve coinvolgere anche il settore privato, risponde CDP sulla base dei dati raccolti nel più vasto sondaggio mai realizzato su questo argomento. Delle 7.700 aziende che hanno risposto, quasi 1/3 (il 31%) ha assunto almeno un impegno contro la perdita di biodiversità mentre una su quattro pianifica di farlo nei prossimi due anni.

Leggi anche COP27 sul clima: un piccolo passo avanti sulla biodiversità

Le buone notizie, però, finiscono qui. Il passaggio all’azione è l’aspetto più delicato, su cui forse un impegno forte alla COP15 potrebbe incidere. Secondo i dati di CDP, infatti, più di metà delle aziende (il 55%) non ha fatto nulla nell’ultimo anno per migliorare le sue prestazioni in ambito biodiversità. E quasi tre su quattro (il 70%) non effettua una valutazione “Scope 3”, relativa cioè all’impatto sulla diversità biologica della sua catena del valore.

“I risultati sono ancora più netti se si considerano i settori notoriamente più dannosi per la natura, come il 74% delle aziende del settore dell’abbigliamento e il 73% di quelle manifatturiere che non valutano l’impatto della loro catena del valore sulla biodiversità”, notano gli autori del sondaggio. “Ciò suggerisce che molte delle aziende che hanno la possibilità di avere un impatto positivo maggiore non riescono ancora a intraprendere azioni significative per fermare la perdita di biodiversità e il degrado ambientale”.

Leggi anche Biodiversità: peggiorano quasi tutti gli indicatori in Europa

Articolo precedentePichetto Fratin, priorità MASE: decreto “FER 3” e aree idonee 
Articolo successivoI proventi del mercato del carbonio Ue? Usati soprattutto per inquinare

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui