Nei nostri fiumi è in corso un’estinzione di massa

Il rapporto sui pesci d’acqua dolce curato dal Wwf insieme ad altre 15 ong rivela uno scenario catastrofico per la vita nei fiumi e nei laghi di tutto il mondo

Estinzione di massa: a rischio 6mila specie di pesci d’acqua dolce
Foto di Daniel Wanke da Pixabay

Il calo della biodiversità fluviale e lacustre ha i numeri di un’estinzione di massa

(Rinnovabili.it) – I pesci d’acqua dolce stanno patendo una vera e propria estinzione di massa in tutto il mondo. Con un crollo verticale della biodiversità nei fiumi e nei laghi, gli ecosistemi dove la ricchezza di specie animali è più pronunciata. In tutto è a rischio 1/3 delle specie di pesci, cioè circa 6mila, mentre 80 si sono già estinte.

A lanciare l’allarme è un rapporto preparato dal Wwf e da altre 15 ong, che si intitola The world’s forgotten fishes, i pesci dimenticati del mondo. Il dossier snocciola una trafila di numeri inquietanti, che gettano luce su un’estinzione di massa di cui rischiamo di accorgerci soltanto quando l’impatto sulla nostra vita e anche sulle nostre economie sarà ormai profondo.

Leggi anche Biodiversità: 28 specie salvate dal rischio estinzione

Le specie dichiarate estinte nel 2020 sono 16, si legge nel rapporto. Dal 1970, la popolazione di pesci migratori è crollata del 76%, mentre è praticamente azzerata quella dei pesci dal peso superiore ai 30 kg. I grandi pesci, a livello globale, sono calati di uno spettacolare 94%.

A cosa è dovuta questa moria? Fra i problemi principali citati dal rapporto troviamo in cima alla lista inquinamento e pesca eccessiva. Seguono poi le pratiche di pesca distruttive e l’introduzione artificiale di specie non native. Trova spazio anche il cambiamento climatico e il conseguente degrado degli ecosistemi lacustri e fluviali.

Leggi anche Atlante dei fiumi europei, frammentati da 1,2 milioni di barriere

La mano dell’uomo è direttamente responsabile anche attraverso altre modalità. La maggior parte dei fiumi del pianeta è parzialmente sbarrato da dighe o è soggetto a captazione delle acque per uso irriguo. Tutto ciò è un ostacolo alla sopravvivenza di molte specie di pesci d’acqua dolce.

Solo in Europa ci sono più di 1,2 milioni di barriere, tra dighe, argini, canali e guadi, a ostruire il flusso dei fiumi europei. Probabilmente i più frammentati al mondo: con una densità di 0,74 barriere per chilometro, il 68% delle quali alte meno di 2 metri. Una stima fornita dallo studio più completo mai realizzato finora e condotto dalle università di Tubingen e McGill. Probabilmente una stima molto per difetto, visto che le piccole barriere sono difficili da scovare. Ma sono anche quelle collettivamente più dannose.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui