Bioplastiche, il CONAI pubblica il rapporto sulla riciclabilità

In occasione della conferenza della European Bioplastics CONAI ha presentato il rapporto sul riciclo delle bioplastiche

Bioplastiche CONAI(Rinnovabili.it)  – Il nuovo rapporto del CONAI, Consorzio Nazionale Imballaggi, è stato presentato in occasione della annuale conferenza organizzata da European Bioplastics, l’associazione europea che riunisce le aziende dell’intera filiera delle bioplastiche. Per fare il punto della situazione il Consorzio ha presentato le conclusioni dello studio sulla riciclabilità delle bioplastiche per capire quale sia l’impatto ambientale che deriva dalla sostruzione di plastiche di derivazione fossile con altre più ecosostenibili.

L’appuntamento organizzato dalla European Bioplastics, iniziato ieri e in conclusione oggi a Berlino, è riconosciuto a livello internazionale come il maggiore evento incentrato sui nuovi biomateriale e le relative applicazioni.

 

Lavorando in team gli esperti di CONAI hanno messo a punto un sistema di riciclo dedicato agli imballaggi biodegradabili coinvolgendo anche i produttori e gli utilizzatori principali oltre alle associazioni di categoria per stabilire di concerto una definizione di imballaggio biodegradabile definendo anche una gestione pre e post consumo oltre che le modalità di raccolta e recupero informando anche i cittadini sui progressi del comparto.

Grazie ai test effettuati in laboratorio sarà presto possibile associare ai prodotti anche i tempi di biodegradabilità, un materiale può essere infatti definito biodegradabile solo se la biodegradazione avviene entro un certo limite temporale. Le analisi hanno inoltre confermato che per gli imballaggi bio e per gli altri materiali della categoria il riciclo meccanico è la migliore soluzione, quella con il minor impatto ambientale a patto di prendere alcune importanti precauzioni tra cui la operazione manuale.

Altro suggerimento, l’applicazione di un simbolo ben riconoscibile sulle confezioni biodegradabili che chiarisca anche al consumatore che tipo di acquisto sta effettuando e dove collocare l’imballaggio una volta arrivato a fine vita.