Bioscarf, la sciarpa anti inquinamento atmosferico

A combattere l’inquinamento atmosferico da oggi ci penserebbe l’innovativa sciarpa dotata di un filtro al suo interno che riesce a filtrare il 99,75% di tutti i particolati aerodispersi di dimensioni pari a 0,1 micron e superiori

inquinamento-atmosferico-bioscarf

 

Un accessorio alla moda che offre una protezione quasi totale dall’inquinamento atmosferico

 

(Rinnovabili.it) – Una sciarpa che protegge dall’inquinamento atmosferico, dagli allergeni e dalle infezioni virali. Si chiama Bioscarf ed è una accessorio alla moda che al tempo stesso, però, tiene lontani raffreddori e influenze e funge da maschera di sicurezza per le persone che vivono in luoghi con alte concentrazioni di inquinamento.

 

L’idea è venuta ad Hazel Solle, insieme a suo marito co-fondatrice di Bioscarf, quando proprio al marito, che durante un viaggio in Cina si ammalò, un medico disse che la causa poteva essere stata proprio l’inquinamento atmosferico e per questo raccomandò all’uomo di indossare una maschera per proteggersi dall’aria malsana; un rimedio che alla Solle non piacque perché le ricordava le persone malate. “Quando mio marito mi ha raccontato quello che era successo – spiega la Solle – ho pensato che doveva esserci qualcosa di meglio di una di quelle maschere bianche che ti fanno sembrare malato. Da qui l’idea di creare un accessorio trendy che però allo stesso tempo ti aiuta a proteggerti”. Nel suo innovativo design, infatti, Bioscarf incorpora un filtro in grado di trattenere mediamente il 99,75% di tutti i particolati aerodispersi di dimensioni pari a 0,1 micron e superiori. Ciò significa una protezione contro polmonite, streptococco, influenza, tubercolosi, pm2.5, peli di animali domestici, polline, fumo e molte altre particelle presenti nell’aria che possono essere dannose per la salute.

 

>>Leggi anche Inquinamento atmosferico: salute dei cittadini ancora a rischio<<

 

Gli esperti parlano di oltre 2 miliardi di bambini in tutto il mondo che respirano aria tossica e nessuno ne parla”, sostiene Hazel Solle, convinta che sia arrivato il momento di una forte sensibilizzazione su questo problema e determinata nel voler offrire alle persone a rischio che non hanno i mezzi per proteggersi qualcosa per aiutarli a combattere l’inquinamento atmosferico quotidianamente. Proprio in questo contesto, infatti, si inserisce il programma, messo a punto dagli inventori di Bioscarf, Plus One Program, grazie al quale per ogni sciarpa venduta ne viene donata una a chi non può permettersi di acquistarla.

 

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui