Brucia la capitale delle sabbie bituminose

Fort McMurray, la città cresciuta intorno all’industria delle sabbie bituminose, va a fuoco. 80 mila persone evacuate, l’industria in crisi

Brucia la capitale delle sabbie bituminose 2

 

(Rinnovabili.it) – La capitale mondiale del petrolio da sabbie bituminose va a fuoco. Domenica un rogo immenso è scoppiato nella foresta vicino a Fort McMurray, nel nordest della provincia canadese dell’Alberta. Le fiamme, dopo aver carbonizzato 7.500 ettari di terreno, hanno raggiunto la città, distruggendo o danneggiato 1.600 case e costringendo circa 80 mila persone a fuggire. È stato dichiarato lo stato di emergenza.

Le autorità hanno bloccato tutti i voli mentre una nube di fumo nero, ieri sera, inghiottiva l’aeroporto. Il ministro per gli Affari municipali della provincia, Danielle Larivee, ha dichiarato che 250 pompieri stanno tentando di spegnere il fuoco.

Le fiamme infuriano nei boschi attorno e dentro la città, considerata una urban service area. Fort McMurray è stata costruita infatti per avvicinare la manodopera all’industria petrolifera, che in questa zona sfrutta le sabbie bituminose, il combustibile più sporco del mondo.

 

Un giacimento di petrolio da sabbie bituminose
Un giacimento di petrolio da sabbie bituminose

 

Diversi fattori potrebbero aver causato l’incendio: secondo il Telegraph, l’Alberta ha vissuto un inverno particolarmente caldo, con temperature in costante aumento dall’inizio dell’anno. Questo fattore, combinato con forti folate di vento, hanno fatto sì che le fiamme divampassero rapidamente, trasformandosi in un rogo immane. Gli scienziati hanno suggerito che temperature così elevate possono essere attribuite al fenomeno climatico di El Niño.

Brucia la capitale delle sabbie bituminoseLa Suncor Energy, che gestisce un impianto petrolifero ad una ventina di chilometri di distanza dalla città, esclude rischi. Tuttavia, secondo Euronews, i venti secchi previsti nelle prossime ore potrebbero alimentare l’incendio e complicare l’operato dei vigili del fuoco. L’azienda, insieme ad altre compagnie, ha annunciato una riduzione della produzione e il ridimensionamento dei piani di assunzione. Il settore è già in crisi a causa del calo del prezzo del barile. Per trarre vantaggio dall’estrazione del petrolio da sabbie bituminose, le compagnie dovrebbero poter vendere a un prezzo superiore ai 70 dollari.

I mercati globali del petrolio, secondo gli analisti, potrebbero trarre giovamento dall’incendio di Fort McMurray. Nel momento in cui la sovrapproduzione sta mandando a picco i prezzi, l’unico modo per farli risalire è ridurre l’eccesso di offerta.

 

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui