Caldo record: il NOAA annuncia un 2014 bollente

Dal NOAA la previsione di un 2014 con caldo record. Le temperature bollenti di aprile, maggio e giugno fanno credere nel raggiungimento di nuovi estremi climatici

caldo record(Rinnovabili.it) – A pochi giorni dalla pubblicazione del rapporto nel quale si conferma che gli indicatori climatici evidenziano un aumento della temperatura globale e dell’innalzamento del livello del mare, il NOAA torna sul tema e mette in guardia la popolazione globale. Il 2014 potrebbe essere un anno da caldo record confermano gli scienziati dell’US National Oceanic and Atmospheric Administration affermando che già si sono registrate temperature mai avute.

 

Il primo semestre di quest’anno è stato il terzo più caldo da quando sono cominciate le rilevazioni nel 1880: i nuovi dati confermano che  aprile, maggio e giugno hanno stabilito nuovi record mensili di temperatura globale. Le cifre rilasciate ieri dall’US National Climatic Data Center del National Oceanic and Atmospheric Administration (NOAA) hanno confermato che la temperatura media globale di giugno sia per la terra che per il mare è stata più alta nel mese rispetto almeno agli ultimi 134 anni.

 

La temperatura superficiale globale del mare per giugno ha  misurato 17,04 gradi Celsius, mentre la temperatura della superficie terrestre globale ha rappresentato il settimo dato più alto registrato per giugno, che misura 0,95 gradi Celsius al di sopra della media di 13.3 gradi del 20 ° secolo.

Come risultato, la terra e l’oceano temperatura media combinata erano 16,22 gradi Celsius – il più alto record per ogni mese, ha dichiarato il NOAA confermando che le cifre evidenziano come aprile, maggio e giugno di quest’anno siano stati i mesi più caldi mai registrati quest’anno, mentre gennaio e marzo sono stati i ​​quarti più caldo registrati mettendo il 2014 al terzo posto nella classifica degli anni più caldi dall’anno di inizio delle rilevazioni. Tutti i dati fanno quindi pensare al 2014 come l’anno più caldo mai registrato, ma per le conferme bisognerà aspettare anche se gli scienziati non sembrano avere molti dubbi.

“L’ultima volta che abbiamo visto tre mesi consecutivi battere i record di temperatura è stato nel 2010 – l’anno più caldo mai”, ha dichiarato Ranyl Rhydwen, docente di sostenibilità e adattamento al cambiamento climatico presso il Centre for Alternative Technology prevede che 2015 potrebbe essere ancora più caldo a causa di El Nino. “In un mondo in fase di riscaldamento, i record di anni di rottura sono sempre più comuni, questi fenomeni stanno diventando sempre più familiari. “

Articolo precedenteTransbay Transit Center, non chiamatela solo stazione
Articolo successivoVapore dall’energia solare grazie alla spugna del MIT

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui