L’Antropocene ha spostato l’asse di rotazione della Terra

Secondo uno studio pubblicato su Geophysical Research Letters, l’uomo sta modificando l’inclinazione del pianeta in due modi: provocando uno scioglimento accelerato dei ghiacci situati ai due Poli, e pompando in superficie l’acqua di falda

Antropocene: l’azione umana sul clima sposta i Poli
Credits: Myriams-Fotos da Pixabay

L’uomo sta modificando la posizione dei Poli almeno da metà anni ‘90

(Rinnovabili.it) – L’impatto dell’uomo sul clima e sul pianeta si può misurare in gradi. Non solo quelli che indicano il riscaldamento globale. Ormai, l’apporto antropico al cambiamento climatico è tale che i suoi effetti si vedono anche sulla posizione dei Poli. E nell’Antropocene i gradi sono anche quelli dell’inclinazione dell’asse di rotazione della Terra.

Secondo uno studio pubblicato su Geophysical Research Letters, l’uomo sta modificando l’inclinazione del pianeta in due modi: provocando uno scioglimento accelerato dei ghiacci situati ai due Poli, e pompando in superficie l’acqua di falda.

Leggi anche Polo nord senza inverno: a ottobre nuovo record negativo per il ghiaccio artico

L’asse di rotazione terrestre è soggetto a una variazione naturale. Nell’arco di lunghi periodi di tempo, infatti, la disposizione dei continenti sul pianeta provoca uno scorrimento dell’asse. A questa variabilità standard, però, adesso si è sommata una quota che dipende direttamente dal cambiamento climatico provocato dall’uomo.

Gli autori dello studio hanno calcolato che dal 1980 a oggi il polo geografico si è spostato di 4 metri. E la velocità dello spostamento tra il 1995 e il 2020 è stata 17 volte maggiore di quella registrata per il periodo 1981-1994. Il motivo? Principalmente lo scioglimento di un’immensa quantità di ghiaccio dai Poli.

Leggi anche Nella “culla dei ghiacci” dell’Artico l’inverno non arriva più

Già in precedenza la comunità scientifica aveva constatato che l’impatto dell’uomo sull’asse di rotazione terrestre era una realtà. Ma lo si era riuscito a stabilire solo per il periodo successivo al 2005. Questo nuovo studio, utilizzando una metodologia diversa, riesce a calcolare l’apporto antropico anche per i periodi precedenti. Così, emerge per la prima volta che l’uomo sta facendo slittare i Poli almeno fin dalla metà degli anni ’90.

Non solo. E’ anche cambiata la direzione verso la quale si muovono i Poli. In precedenza era verso sud, ma la mano dell’uomo sul clima l’ha spostata in direzione est. “Il declino accelerato nell’acqua immagazzinata sulla terra derivante dallo scioglimento dei ghiacci è il principale motore della rapida deriva polare dopo gli anni ’90”, conclude Shanshan Deng, prima firma dell’articolo scientifico e membro dell’Istituto di scienze geografiche e per la ricerca sulle risorse naturali dell’Accademia cinese delle scienze.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui