Quest’anno la calotta artica si è iniziata a sciogliere con 15 giorni di anticipo

La media del periodo 1981-2010 fissa al 12 marzo la data in cui si la coltre ghiacciata del Polo Nord raggiunge la massima estensione, al termine dell’inverno. Quest’anno il picco è arrivato con due settimane di anticipo. Era successo di peggio (di 24 ore) solo nel 1987 e nel 1996. Ma il dati dei km2 totali è migliore rispetto agli ultimi anni

Calotta artica: mancano all’appello 770mila km2 di ghiaccio
Foto di Markus Distelrath da Pixabay

Il picco della calotta artica è stato toccato il 25 febbraio

(Rinnovabili.it) – Quest’anno la calotta artica ha raggiunto la massima estensione invernale con ben 15 giorni di anticipo rispetto alla media 1981-2010, il 25 febbraio invece del 12 marzo. Esattamente come successe nel 2015. Solo in due casi il picco è arrivato prima, e di appena un giorno: nel 1987 e nel 1996.

Questo segnale non beneaugurante arriva però a chiusura di una stagione invernale dove il ghiaccio del Polo Nord si è ricostituito prima e meglio degli ultimi 7 anni. Secondo le rilevazioni del National Ice and Snow Data Center americano, che monitora regolarmente lo stato della calotta artica, l’estensione massima al culmine dell’inverno è stata di 14,88 milioni di km2.

Leggi anche Record di caldo in Antartide, temperature 47 gradi sopra la norma

È il 10° valore più basso da 44 anni a questa parte, quando sono iniziate le rilevazioni sistematiche ed è comunque 770.000 km2 sotto la media trentennale. Ma è anche l’estensione maggiore dal 2015 con l’eccezione del solo 2020. Nell’anno peggiore mai registrato, il 2017, all’appello mancavano 1,24 milioni di km2. Quest’inverno ha visto condizioni più rigide della norma nel settore siberiano, tanto che la Rotta del Mare del Nord si è chiusa prima del previsto (prendendo di sorpresa alcune navi in transito).

Ad un inverno relativamente mite nell’Artico – anche se con in linea con la tendenza al peggioramento degli ultimi decenni – corrisponde invece un’estate antartica decisamente anomala. Per la prima volta da quando esistono le rilevazioni, infatti, la calotta ghiacciata marina del Polo Sud è scesa sotto i 2 milioni di km2, conferma l’NSIDC. Su questo punto, però, il ruolo del riscaldamento globale è ben più incerto.

Leggi anche Non c’è mai stato così poco ghiaccio in Antartide

Mentre l’aumento delle temperature nell’Artico è connesso al global warming oltre ogni ragionevole dubbio, gli scienziati del clima sono ancora incerti rispetto alle dinamiche osservate al Polo Sud. Basti pensare che, se è vero che il punto più basso era stato toccato nel 2017, il record positivo di estensione dei ghiacci era arrivato nel 2014, in netto contrasto con l’andamento del riscaldamento globale.

Articolo precedenteRiciclo chimico: studiato un nuovo enzima per abbattere il tereftalato
Articolo successivoRestauro a cinque stelle per il progetto di noa* che trasforma un Monastero del ‘600 in una struttura alberghiera

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui