Un anno di disastri climatici: tutti i numeri del 2022

Il rapporto annuale di AON sottolinea che l’anno appena passato non è da record rispetto alla media degli ultimi 20 anni. Ma sono alte le perdite non assicurate (+57% sulla media del 21 secolo). La siccità in Europa il 2° disastro più costoso

Uragano Ian: il climate change l’ha reso il 10% più piovoso
By NASA/GOES-16 – https://www.cnn.com/us/live-news/hurricane-ian-florida-updates-09-28-22/index.html, Public Domain, https://en.wikipedia.org/w/index.php?curid=71865236

Nel 2022, 5 disastri climatici hanno presentato un conto da almeno 10 mld $

(Rinnovabili.it) – Il conto dei disastri climatici nel 2022 è arrivato a 313 miliardi di dollari, il 4% più della media degli ultimi 20 anni. La metà di queste perdite è localizzata negli Stati Uniti e dipende dal devastante uragano Ian e da altre tempeste. Tre gravi episodi di siccità -in Usa, Cina ed Europa- si piazzano tra i 10 disastri cimatici più costosi dell’anno: un fatto che “sottolinea la crescente importanza del pericolo su scala globale”.

A fare i conti è il rapporto Weather, Climate and Catastrophe Insight 2023 di AON, che monitora i danni provocati dai disastri naturali in tutto il mondo. La maggior parte dei quali è provocato o intensificato dal cambiamento climatico.

Il conto dei disastri climatici

Anche se il 2022 non è stato un anno record per l’impatto economico dei disastri climatici, resta un periodo segnato da una lunga serie di eventi molto impattanti. Sono 5 gli episodi che hanno causato danni per oltre 10 mld $ e 39 quelli che hanno presentato un conto di almeno 1 miliardo, sui 439 totali registrati da AON nel 2022. E le perdite assicurate hanno superato quota 100 miliardi per la terza volta consecutiva, piazzandosi a 132 mld $.

Uno sguardo alla classifica mostra l’uragano Ian al primo posto, un disastro climatico che ha provocato quasi 100 mld $ di danni di cui poco più della metà assicurati. Sul secondo gradino del podio c’è la siccità in Europa, con 22 mld $ di danni. Più della siccità in Usa (15 mld $) e delle alluvioni in Pakistan, che hanno lasciato sott’acqua 1/3 del paese e causato oltre 1.700 vittime (15 mld $).

“Molte catastrofi in aree altamente esposte, come l’uragano Ian o le devastanti alluvioni in Pakistan, evidenziano la necessità di rafforzare la resilienza, poiché i cambiamenti socioeconomici e la concentrazione dell’esposizione e della ricchezza nelle aree vulnerabili rimangono uno dei principali fattori di perdita”, scrivono gli autori del rapporto.

Articolo precedenteRiduzione dei consumi elettrici, l’ok e le richieste di ARERA
Articolo successivoFuturi sviluppi di batterie termochimiche ad alta densità per applicazioni residenziali

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui