Ghiacciai alpini che si sciolgono, in pezzi per colpa clima

La campagna dell’associazione con ‘Carovana dei ghiacciai’. I tredici ghiacciai alpini – posti sotto monitoraggio dal 23 agosto al 13 settembre – riducono costantemente la loro superficie e si assottigliano, fino a disgregarsi in pezzetti più piccoli

ghiacciai alpini

di Tommaso Tetro

(Rinnovabili.it) – I ghiacciai alpini si stanno sciogliendo. Questa, in sintesi, la fotografia scattata dalla ‘Carovana dei ghiacciai’, la campagna di Legambiente che tiene d’occhio i ghiacci perenni delle nostre vette, portata avanti con il supporto del Comitato glaciologico italiano, insieme con Sammontana e FRoSTA. I tredici ghiacciai alpini – posti sotto monitoraggio dal 23 agosto al 13 settembre – riducono costantemente la loro superficie e si assottigliano, fino a disgregarsi in pezzetti più piccoli. Stessa sorte per il ‘glacionevato’ del Calderone in Abruzzo, ormai sotto i colpi di rapide mutazioni come effetto dei cambiamenti climatici.

Leggi anche Rapporto United in Science 2021 sul clima: “Il tempo sta finendo”

“I dati che abbiamo raccolto in questa seconda edizione – viene osservato da Legambiente – sono un’ulteriore conferma del quadro dall’allarme lanciato dall’Ipcc (Intergovernmental panel on climate change) che ci ricorda come ormai il Pianeta sia in codice rosso. Se riusciremo a limitare il riscaldamento globale sotto la soglia dei 1,5 gradi, come nell’obiettivo degli accordi di Parigi, a fine secolo sopravviverà un terzo dei ghiacciai, in caso contrario i ghiacciai alpini scompariranno del tutto”. Per il direttore generale di Legambiente, Giorgio Zampetti, quello che serve è un cambio di marcia nel passo delle politiche climatiche, senza mezzi termini. Il messaggio dei ghiacciai che diventano piano piano acqua è uno solo: non ci sono confini, non ci sono barricate che possano arrestare gli impatti dei gas serra.

Legambiente e il Comitato hanno poi organizzato i “saluti ai ghiacciai”, momenti di raduno ad alta quota per riflettere sul presente e sul futuro degli “ormai ex giganti bianchi”. La natura – è la conclusione – invia da tempo messaggi in tutte le lingue del mondo, richieste di aiuto, segnali di allarme; nell’attesa che questi vengano raccolti dalla Cop26 a Glasgow, dopo magari aver fatto un passaggio di approfondimento a Milano che si prepara ad accogliere la Pre­-Cop, la riunione di 40 Paesi in programma dal 30 settembre al 2 ottobre.

Leggi anche Stato dell’Unione 2021, von der Leyen: Europa unita nella responsabilità climatica

Articolo precedenteAbiti sostenibili a energia solare, ecco la nuova moda “potenziata”
Articolo successivoBollette, rincari su mercato tutelato non sono colpa delle rinnovabili

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui