Dove il ghiaccio artico non si scioglie mai c’è un buco grande 3 volte Roma

Nel 2020 una enorme polinia si è formata nella Last Ice Area, una regione grande 1 mln di km2 a nord della Groenlandia dove la calotta è spessa anche 5 metri e il ghiaccio è di accumulo pluriennale: la zona considerata più resistente al cambiamento climatico

ghiaccio artico
Foto di Leonhard Niederwimmer da Pixabay

Il buco nel ghiaccio artico misura 3.000 km2

(Rinnovabili.it) – Anche là dove il ghiaccio artico è più spesso e vecchio, il Polo Nord dà segni preoccupanti di cedimento. Succede in una regione di 1 mln di km2 che gli scienziati chiamano Last Ice Area, cioè l’area dove la calotta si scioglierà per ultima, e si trova a nord della Groenlandia e dell’isola canadese di Ellesmere. Qui nel maggio 2020 si è formata una polinia, cioè un “buco” nella distesa ghiacciata, grande quasi 3 volte la città di Roma.

Le polinie sono fenomeni temporanei e abbastanza frequenti ai Poli. Quello che preoccupa gli scienziati è il luogo dove si è formata: di solito appare là dove la calotta è sottile, ma questa volta si è formata in un’area in cui il ghiaccio artico raggiunge lo spessore di 5 metri e deriva da accumulo pluriennale, cioè non si scioglie mai nemmeno al picco dell’estate artica.

Leggi anche Allarme dalla più grande spedizione nell’Artico: siamo oltre il punto di non ritorno

Secondo uno studio pubblicato su Geophysical Research Letters, la polinia nella Last Ice Area si è formata con condizioni di vento estremo e un persistente anticiclone, oppure, secondo un’altra ipotesi, durante una tempesta in condizioni di alta pressione con forti venti che ruotano in senso orario. La ricerca ha anche confermato che non è la prima volta che questo fenomeno si verifica nell’area. Ci sono due precedenti che risalgono al 2004 e al 1988, hanno scoperto gli autori dello studio analizzando le immagini satellitari. Semplicemente, nessuno li aveva mai notati prima.

Nel breve periodo, le polinie favoriscono l’ecosistema artico: la comparsa dell’acqua richiama gli animali. Ma favoriscono anche l’assottigliamento del ghiaccio artico. “Man mano che il ghiaccio si assottiglia, è più facile che queste polinie si creino” in condizioni anche meno estreme, ragion per cui “queste polinie possono diventare più comuni, o diventare più grandi, di quanto non fossero in passato”, spiegano gli autori dello studio.

Leggi anche Stop trivelle, per sempre: la strategia per l’Artico di Bruxelles

(lm)

Articolo precedenteUna brezza al glifosato soffia verso Bruxelles
Articolo successivoLa miniera di carbone più grande d’Europa chiuderà nel 2040

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui