Interazione clima e mare, arriva un nuovo modello per il Mediterraneo

Messo a punto dall’Enea e presentato in occasione della Giornata mondiale degli oceani. Riesce a simulare le dinamiche tra atmosfera e oceano. Il mar Mediterraneo è un ‘sorvegliato speciale’ perché è un’area dove i cambiamenti climatici corrono più velocemente e gli impatti saranno particolarmente intensi nel prossimo futuro

di Tommaso Tetro

(Rinnovabili.it) – Un nuovo modello climatico per il Mediterraneo. Lo presente l’Enea in occasione della Giornata mondiale degli oceani. Si chiama ENEA-RegESM e riesce a simulare le dinamiche tra atmosfera e oceano in relazione con i processi fisici e biologici che avvengono sulla superficie terrestre, come flussi di calore, assorbimento di CO2 da parte degli ecosistemi terrestri e ciclo idrologico. 

“Gli oceani e i mari – spiega Gianmaria Sannino, responsabile del laboratorio di modellistica climatica e impatti dell’Enea – giocano un ruolo fondamentale nel sistema climatico del nostro Pianeta attraverso il sequestro di grandi quantità di anidride carbonica e di calore prodotto dall’effetto serra di origine antropica. Questi processi, a loro volta, hanno un notevole impatto sullo stato degli oceani e causano, rispettivamente, l’acidificazione delle acque e l’aumento della loro temperatura e del loro volume, con tutte le conseguenze che ne derivano sugli ecosistemi marini e le popolazioni che vivono lungo le coste”.

Il mar Mediterraneo – viene rilevato – è “un ‘sorvegliato speciale’, in quanto è un’area dove il cambiamento climatico corre già oggi più velocemente che nella maggior parte del mondo e dove gli impatti saranno particolarmente intensi nel prossimo futuro”.

Secondo Sannino è “imprescindibile considerare la Terra come un unico complesso sistema dinamico in cui superficie terrestre, oceano e atmosfera interagiscono tra loro attraverso molteplici forme di retroazioni”.

E’ per questo che i ricercatori dell’Enea hanno sviluppato un ‘earth system model’ regionale per il Mediterraneo che simula le dinamiche dell’atmosfera e del mare e i processi fisici e biologici che avvengono sulla superficie terrestre.

“A causa della complessità geomorfologica del bacino Mediterraneo – dice Alessandro Anav, ricercatore dell’Enea – gli attuali modelli matematici globali non sono in grado di riprodurre correttamente i processi fisici e le dinamiche che avvengono in quest’area del nostro pianeta così densamente popolata. A differenza di altri modelli regionali esistenti, ENEA-RegESM può usare due differenti modelli per simulare le dinamiche dell’atmosfera; questo ci consente di scegliere quale modello utilizzare in base alla complessità della simulazione e alle prestazioni del modello stesso, queste ultime intese sia in termini di velocità di calcolo che di accuratezza degli output forniti”.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui