Riscaldamento globale, il Noaa: il 2021 è stato l’anno più caldo per 2 miliardi di persone

Per Russel Vose del Noaa, c’è una probabilità del 99% che il 2022 sarà tra i 10 anni più caldi e una probabilità del 10% che sarà il più caldo. E una probabilità del 50% che almeno un anno durante questo decennio sfori la soglia di 1,5 gradi

crediti: Noaa

I dati del National Oceanic and Atmospheric Administration sul riscaldamento globale

(Rinnovabili.it) – Per 1 persona su 4, il 2021 è stato l’anno più caldo di sempre, anche se complessivamente la variazione sull’epoca preindustriale è di “appena” 1,1°C, la sesta più alta. I dati diffusi ieri dal Noaa americano confermano sostanzialmente le rilevazioni di Copernicus rese note a inizio settimana. Il 2021 non fa segnare un record di riscaldamento globale ma rafforza il trend di accelerazione: gli 8 anni più bollenti della storia sono tutti nell’ultimo decennio.

“Aspettate ancora qualche anno e vedremo un altro di quei record”, spiega infatti lo scienziato del clima Zeke Hausfather, tra i ricercatori che hanno lavorato al rapporto. “È una tendenza a lungo termine, e vediamo una marcia indomabile verso l’alto”. Per Russel Vose del Noaa, c’è una probabilità del 99% che il 2022 sarà tra i 10 anni più caldi e una probabilità del 10% che sarà il più caldo. Lo scienziato ritiene che ci sia una probabilità del 50% che almeno un anno durante questo decennio sfori la soglia di 1,5 gradi di riscaldamento globale fissata come limite dall’accordo di Parigi.

Leggi anche Per il 6° anno di fila, il riscaldamento degli oceani segna un nuovo record

Rispetto alla media dell’ultimo secolo, la temperatura media di terra e oceani è stata di 1,51°C, ma quella dell’emisfero boreale è più alta di quasi mezzo grado: 1,96°C. Infatti, è a nord dell’equatore che si sono concentrati i record assoluti di riscaldamento globale nel 2021. È stato l’anno più caldo in gran parte del Maghreb (le aree costiere di Algeria e Libia, la Tunisia) e dell’Africa occidentale (Mali, Mauritania, Nigeria).

Termometri altissimi anche nel golfo Persico, tra Iran, Emirati arabi uniti ed Arabia saudita. Gran parte della Cina, il Bangladesh, la Corea del Sud e il Giappone completano il quadro. Tutta l’Europa mediterranea, anche se non segna il primato, è stata comunque molto più calda della media.

Leggi anche Copernicus: il 2021 è il 5° anno più caldo di sempre

Il contenuto di calore dell’oceano, che descrive la quantità di calore immagazzinato negli strati superiori dell’oceano, ha segnato invece un record assoluto nel 2021, superando il precedente primato stabilito nel 2020. I sette valori più alti si sono verificati tutti negli ultimi sette anni (2015-2021).

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui