Riscaldamento globale, nel 2100 avremo estati bollenti di 6 mesi

Tra le aree dove il cambiamento si farà più sentire c’è anche il bacino del Mediterraneo, insieme all’altopiano del Tibet

Riscaldamento globale: estati lunghe 6 mesi nel 2100
Foto di Bessi da Pixabay

Uno studio analizza l’impatto del riscaldamento globale sulla stagionalità

(Rinnovabili.it) – Senza azioni di mitigazione del riscaldamento globale, entro la fine del secolo avremo estati che durano 6 mesi l’anno. Il cambiamento climatico ha infatti un impatto significativo sia sulle date di inizio delle stagioni, sia sulla loro durata. E questa prospettiva si può concretizzare anche in uno scenario ‘business as usual’, cioè nel caso le politiche climatiche restino più o meno le stesse e le emissioni non calino significativamente.

Lo sostiene una ricerca pubblicata sulla rivista scientifica Geophysical Research Letters, che si è basata sulle serie storiche di dati relativi alla durata delle stagioni tra il 1952 e il 2011. Come inizio dell’estate, il team di ricercatori ha preso come valore di riferimento quello più basso del quartile più caldo della serie. Parimenti, la temperatura di inizio inverno è stata scelta prendendo la più alta tra il 25% delle temperature più fredde.

Leggi anche Il 2020 pareggia i conti con il 2016: è record di riscaldamento globale

Il nuovo studio ha rilevato che, in media, l’estate è passata da 78 a 95 giorni tra il 1952 e il 2011, mentre l’inverno si è ridotto da 76 a 73 giorni. Anche la primavera e l’autunno si sono contratti rispettivamente da 124 a 115 giorni e da 87 a 82 giorni. Di conseguenza, la primavera e l’estate sono iniziate prima, mentre l’autunno e l’inverno sono iniziati più tardi.

Usando dei modelli predittivi del cambiamento climatico, i ricercatori hanno proiettato questi slittamenti a fine secolo, utilizzando lo scenario intermedio BaU. Il risultato? Al 2100, l’andamento del riscaldamento globale sarà tale da restringere gli inverni boreali a meno di due mesi, con primavera e autunno che a loro volta si accorciano. Il tutto corrisponde a un’espansione della stagione estiva. Tra le aree dove questa variazione sarà più significativa, il bacino del Mediterraneo e l’altopiano del Tibet.

Leggi anche Abbiamo 10 anni meno del previsto per contenere il riscaldamento globale

Lo studio individua anche alcuni fattori critici per l’uomo. I cambiamenti stagionali possono provocare danni all’agricoltura, specialmente quando false primavere o tempeste di neve tardive danneggiano le piante in fase di gemmazione. Con primavere più lunghe, gli umani respireranno più pollini, causa di allergia. E queste condizioni favoriranno anche un’espansione verso nord dell’areale delle zanzare portatrici di malattie.

Articolo precedenteI Mururoa Files inchiodano la Francia per i test nucleari in Polinesia
Articolo successivoDa Brio il kiwi verde bio che piace in Germania

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui