Il carbone crolla in occidente, ma cresce in Cina e India

La prima mappa globale dei piani di phase out degli impianti a carbone evidenzia il crollo verticale in occidente, mentre in Asia la partita è ancora aperta

carbone

 

Sempre più società abbandonano i progetti nel settore del carbone

 

(Rinnovabili.it) – Crolla in occidente, mentre in oriente tiene il passo e registra una crescita. I trend del carbone nel mondo somigliano alle montagne russe quando suddivisi per area geografica. Dall’ultima relazione di Coal Swarm, che è anche il primo sondaggio globale sui piani di phase out degli impianti, emergono dati interessanti.

Su 1.675 aziende che possedevano centrali a carbone nel 2010 o cercavano di svilupparne, più di un quarto (448 società) hanno abbandonato completamente il settore in questi anni. I piani per lo sviluppo di ulteriore capacità sono scesi ancora di più, al punto che quasi il 70% (1.141) delle imprese attualmente non ha piani di installazione di nuova potenza elettrica.

Oggi sono 994 le aziende che posseggono centrali a carbone o ne hanno possedute nel periodo di indagine (2010-2017). Di queste, il 7% (71) è uscito dal settore, mentre l’11% (112) ha pensionato almeno un terzo degli impianti e il 14 % (139) almeno un quinto. Dal 2014, cinque stati, province e città hanno ufficialmente abolito l’energia dal carbone, e altri 18 hanno annunciato di volerlo fare prima del 2030.

 

>> Leggi anche: I piani climatici della Germania falliti a causa del carbone <<

 

Alcune major europee hanno cambiato nomi e strutture per dare un segnale di discontinuità. E.on ha diviso il settore termico Uniper dalle attività nel campo delle rinnovabili, Dong ha cambiato nome in Ørsted e Iberdrola ha pensionato l’82% del suo parco impianti.

Dall’altra parte, i dati mostrano che ancora 303 società sono impegnate nella costruzione di impianti termoelettrici, soprattutto in Asia, nonostante in Cina e in India vi sia capacità in eccesso. La Cina, inoltre, ha ridotto dell’85% il numero dei permessi di costruire per le centrali a carbone tra il 2015 e il 2016. L’India, dal canto suo, vede il suo mercato messo a soqquadro dalla competitività dell’energia solare: l’autorità per l’energia stima che gli impianti attualmente in costruzione saranno sufficienti a soddisfare la domanda fino al 2027. Perciò, anche se tra i dieci principali sviluppatori di nuovi impianti sei sono cinesi, due indiani, uno indonesiano e uno tailandese, sembra che la pietra nera non avrà lunga vita nemmeno in oriente.

Articolo precedenteEnergia: l’Australia fa peggio degli USA di Trump nel silenzio generale
Articolo successivoMetà del biodiesel europeo viene da importazioni insostenibili

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui