Clima, il nemico della Cina si chiama classe media

Gli sforzi della Cina per ridurre le emissioni di gas serra vengono indeboliti dall’aumento vertiginoso delle abitudini di consumo “all’Occidentale” tra i nuovi ricchi

Clima, il nemico della Cina si chiama classe media

 

(Rinnovabili.it) – Se l’Accordo di Parigi è entrato in vigore a tempo record è soprattutto grazie al sì congiunto di Stati Uniti e Cina, i due maggiori inquinatori al mondo, che da soli superano il 35% delle emissioni globali di CO2. Il passaggio all’azione nelle politiche sul clima, però, è tutt’altro che automatico e i problemi da affrontare sono molti. Per quanto riguarda Pechino, il pensiero corre subito all’enorme fetta di mix energetico (i due terzi) riservata al carbone, che la repubblica popolare fatica a far scendere. Ma la Cina dovrà fare i conti con un altro problema, forse ancora più difficile da controllare: l’espansione della classe media.

Gli sforzi della Cina per ridurre le emissioni di gas serra vengono indeboliti dall’aumento vertiginoso delle abitudini di consumo “all’Occidentale” tra i nuovi ricchi. È l’allarme lanciato dalla rivista Nature Climate Change, che sottolinea come questo fenomeno abbia caratteristiche strutturali e sia inestricabilmente legato ad altre emergenze, come ad esempio la crescita delle disuguaglianze e, soprattutto, a dinamiche di lungo corso. Tra queste, la principale è il flusso migratorio interno: ogni anno circa 20 milioni di cinesi si spostano dalle campagne alla città in cerca di condizioni di vita migliori.

 

Ma già oggi, avvertono i ricercatori, la classe media urbanizzata – pari al 5% della popolazione cinese – è responsabile per ben il 19% dell’impronta di carbonio del paese. Lo studio specifica poi che l’impronta di questa fascia di popolazione si aggira intorno alle 6,4 tonnellate di CO2 pro capite l’anno, vale a dire circa 4 volte in più della media nazionale.

“L’aumento del consumo in parallelo all’urbanizzazione della Cina è stato identificato come un driver importante per l’impronta di carbonio negli ultimi 20 anni, mentre la decarbonizzazione dell’economia cinese riesce solo debolmente a tamponare questa tendenza”, si legge nello studio. Insomma, gli sforzi per procedere nella transizione energetica verso le rinnovabili non sono in grado di cambiare davvero il peso della Cina, a meno che non si modifichi allo stesso tempo il modello di consumo di gran parte della popolazione.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui