Da Confagricoltura “Ecocloud”, manifesto della buone pratiche agricole

Guidi: “I fatti lo dimostrano. Aumentare la produzione e puntare, allo stesso tempo, con determinazione, verso la sostenibilità, è possibile”

Da Confagricoltura "Ecocloud", manifesto della buone pratiche agricole(Rinnovabili.it) – E’ possibile far coincidere la parola produttività con quella di sostenibilità nelle diverse filiere del settore agricolo? Sì e a dimostrarlo sono oggi le imprese che operano già nel pieno rispetto dell’ambiente e della comunità e che hanno deciso di aderire a Ecocloud, il progetto di Confagricoltura. Obiettivo dell’iniziativa, avviata lo scorso anno, è quello di creare una rete delle buone pratiche sostenibili che le aziende aderenti al progetto confederale “Produttività e Sostenibilità delle imprese agricole” mettono in atto al loro interno, favorendone la condivisione e il rafforzamento sul mercato. Sono comprese tutte le filiere agricole, con particolare riferimento ai comparti vitivinicolo, olivicolo, ortofrutticolo, cerealicolo, florovivaistico e zootecnico, includendo tutte le esperienze di diversificazione produttiva con varie forme di pluriattività e multifunzionalità.

 

Il successo registrato fin’ora ha preparato il terreno alla seconda fase del progetto concretizzatasi questa mattina con la presentazione del “Manifesto delle buone pratiche EcoCloud”, il decalogo di Confagricoltura sulla responsabilità ambientale. Lo strumento servirà a rendere trasparente e dare maggiore visibilità all’attività svolta dalle imprese agricole associate. “Le  nostre imprese – ha sottolineato il presidente di Confagricoltura Mario Guidisono già impegnate in un percorso di rinnovamento, in cui sostenibilità e redditività si conciliano grazie ad una gestione aziendale lungimirante e innovativa. E’ arrivato il momento di unire e dare voce a queste realtà meritevoli, con l’obiettivo di garantire sempre maggior respiro a questi temi fondamentali per il presente e il futuro, non solo dell’ambiente ma anche dell’economia”.