Conservazione della natura: le 10 buone notizie del WWF

Il 2018 è stato non è stato un anno facile per la conservazione della natura, eppure sono stati raggiunti alcuni importanti traguardi a livello globale, grazie anche all’operato dell’associazione ambientalista

convervazione-natura-wwf-belize
La barriera corallina del Belize.

 

Le 10 buone notizie del WWF riguardano la conservazione della natura di tutto il pianeta

 

(Rinnovabili.it) – Nonostante le sfide per salvare il pianeta siano ancora molte e il 2018 sia stato un anno difficile per la conservazione della natura, il WWF ha iniziato il nuovo anno all’insegna dell’ottimismo, concentrandosi su alcuni importanti traguardi raggiunti a livello globale, con la consapevolezza che ancora tanto si dovrà fare per quanto riguarda clima e biodiversità. Con questo spirito l’associazione ambientalista ha divulgato 10 buone notizie che riguardano la natura di tutto il pianeta.

 

>>Leggi anche Living Planet Report, stiamo cancellando la biodiversità<<

 

1- Dal 2010 a oggi la popolazione dei gorilla di montagna è aumentata del 25% e attualmente conta oltre 1.000 esemplari allo stato selvatico, concentrati principalmente nel Parco Nazionale dei vulcani Virunga nella Repubblica Democratica del Congo.

 

2- Il Parco Nazionale Serranía de Chiribiquete, nell’Amazzonia colombiana, è diventato la più grande area protetta della foresta pluviale tropicale: 4,3 milioni di ettari tutelati anche dall’Unesco.

 

3- La barriera corallina del Belize non è più nella lista UNESCO dei siti Patrimonio dell’Umanità che si trovano in pericolo, un risultato raggiunto anche grazie alle campagne di conservazione portate avanti dal WWF.

 

4- Metà delle acque messicane risulta protetta e capace di garantire una fornitura idrica a 45 milioni di persone, un risultato raggiunto grazie all’operato del WWF che ha consentito anche di mettere in protezione il fiume Usumacinta, il più ricco di biodiversità dell’America Centrale.

 

5- In crescita, ma pur sempre pochi, gli esemplari di tigre, passati da circa 3.200 del 2010 ai 3.890 di oggi; la lotta al bracconaggio e le politiche di conservazione hanno reso possibile un trend positivo, che in Nepal è quasi vicino al raddoppio.

 

6- È stato sottoscritto da 119 imprese il “Manifesto Cerrado” per fermare la deforestazione e proteggere il Cerrado, la grande savana tropicale del Brasile, in cui è racchiuso il 5% della biodiversità a livello mondiale.

 

>>Leggi anche Amazzonia: 2018 anno record per la deforestazione<<

 

7- Il settore assicurativo si è impegnato a livello globale per proteggere la natura, in particolare i siti Patrimonio Mondiale dell’umanità.

 

8- Sono stati salvati alle trivellazioni per estrarre petrolio e gas 11 milioni di ettari nell’Artico Orientale, una sfida vinta dal WWF insieme a organizzazioni Inuit che ha portato alla creazione di un’area di conservazione marina.

 

9- In Cina è entrata in vigore la messa al bando dell’avorio, un traguardo positivo, nonostante il 2018 sia stato un anno non proprio buono in termini di specie in via d’estinzione e bracconaggio, raggiunto anche grazie alle campagne condotte dal WWF per cambiare il comportamento dei consumatori.

 

10- Continua la protezione del delfino platanista del fiume Indo, una specie in grande pericolo che in Pakistan conta meno di 2.000 esemplari; il WWF, che continua il suo lavoro a stretto contatto con le comunità locali per proteggere questi delfini, ha salvato e rilasciato una femmina che si era impigliata in una rete.

Articolo precedenteIn Spagna Paradores sceglie le rinnovabili
Articolo successivoRAEE, oltre 100.000 ton raccolte da Ecodom nel 2018

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui