Deforestazione: tagliato l’albero più vecchio del mondo, ma è una bufala

Samauma, lo “spirito Madre” dell’Amazzonia, è stato vittima della deforestazione. Aveva quasi 6 mila anni ed era alto 40 metri. Ma è tutto uno scherzo: la bufala fa il giro del web

Deforestazione tagliato l’albero più vecchio del mondo-

 

(Rinnovabili.it) – Entrano nella riserva indigena “per sbaglio” e tagliano l’albero più antico del mondo. L’ultimo crimine della deforestazione illegale si è consumato al confine tra Perù e Brasile, nel cuore della foresta amazzonica. Sarebbe una notizia da far accapponare la pelle se non fosse una bufala ben infiocchettata dal World News Daily Report. Ci sono cascati in molti: la notizia era ben costruita, ma l’Independent non ci è cascato. Il racconto del sito di satira era più o meno così impostato.

 

“Taglialegna di frodo si sono infiltrati nella Matsés Indigenous Reserve , una zona dove segare piante è illegale. Le organizzazioni per la conservazione della natura e le comunità indigene si sono infuriate, perché il gigantesco albero Samauma, alto 40 metri, aveva 5.800 anni. Lo dimostravano i cerchi concentrici del tronco, visibili a tutti dopo l’abbattimento. Era una parte importante dell’universo culturale delle tribù native. Innumerevoli generazioni hanno assistito alla lunga vita della pianta, includendone la figura nella propria tradizione, storia e mitologia.

«È lo spirito Madre della foresta pluviale, da questo spirito-albero venne la forza vitale di tutti gli esseri viventi. Hanno distrutto Aotlcp-Awak, hanno portato le tenebre non solo sul nostro popolo, ma sul mondo intero», spiega Tahuactep, il leader della tribù Matsés.

 

Deforestazione tagliato l’albero più vecchio del mondo

 

«Per molte generazioni, l’albero Madre ha portato al mio popolo salute e buona sorte – aggiunge Kalahuaptl, uno sciamano della tribù – Le sue radici, diffuse in tutta la foresta pluviale, portavano il suo spirito vitale nel mondo. Cosa resterà degli animali, delle piante e della nostra gente, ora che lo spirito della madre è andato? Hanno ucciso lo spirito Madre consapevolmente, hanno fatto questo per distruggere la nostra gente e ghermire il bottino della terra».

 

Anna Golding, ricercatore locale per il gruppo Rainforest Protection Coalition (RPC) – una iniziativa derivante da Berkeley University in California – ritiene che l’incidente sia stato intenzionale: «Ci ​​sono grandi porzioni di questa riserva nazionale ricche di petrolio e gas naturale. Le compagnie energetiche si sono prodigate per fare pressione sul governo e ottenere la possibilità di sfruttare la zona per anni. Le zone protette si sono ridotte del 50% ultimi dieci anni, e questo è solo il loro ultimo tentativo di sbarazzarsi delle popolazioni locali che si battono per preservare il loro patrimonio culturale e il loro stile di vita. Queste azioni sono chiaramente perpetrate con il consenso delle autorità locali e del governo: come si spiega, altrimenti l’inerzia della polizia locale e delle agenzie, che non perseguono queste aziende? Perché questi deforestatori restano liberi di continuare a fare quello che stanno facendo?»”.

 

Probabilmente non esiste nessuno sciamano né nessun capotribù, così come l’albero non ha quasi seimila anni.

4 Commenti

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui