Droni della Nasa contro le fuoriuscite di metano

L’agenzia spaziale sta lavorando a un progetto “terrestre”: utilizzerà i suoi sensori spaziali montati su droni per scoprire le perdite di metano

droni della Nasa contro le fuoriuscite di metano

 

(Rinnovabili.it) – Non contenta dello spazio, la Nasa punta adesso al sottosuolo scommettendo sui droni. L’agenzia sta infatti lavorando all’adattamento dei suoi sensori spaziali per rilevare fughe di metano qui sulla Terra.

I sensori in questione sono stati originariamente sviluppati per aiutare gli scienziati nella ricerca della vita su Marte. Infatti, il metano sembra essere un buon indicatore della presenza di forme di vita su altri pianeti.

Ma è anche il secondo gas serra più emesso negli Stati Uniti (ma molto più climalterante della CO2), e qualsiasi tecnologia che renda più facile trovare ed eliminare le perdite potrebbe rivelarsi estremamente benefica per la Terra.

 

I rivelatori Martian – ufficialmente noti come spettrometri laser sintonizzabili – sono dispositivi portatili, lunghi una trentina di centimetri, che aiuteranno i lavoratori delle aziende a scovare le perdite lungo gasdotti.

Il Jet Propulsion Laboratory della Nasa sta collaborando con Pacific Gas & Electric, una utility con sede in California, per installare i sensori di metano su droni. La nuova tecnologia, in fase di sperimentazione, sarebbe già oggi molto più funzionale rispetto ai metodi di rilevazione impiegati dalle aziende di servizi pubblici. Il prodotto finito inoltre, secondo l’agenzia, sarà più conveniente e più facile da usare.

Nasa e PGE stanno testando la tecnologia su un set cinematografico in stile hollywoodiano che assomiglia a una città di periferia, con case e piccoli garage. Lì gli scienziati rintracciano fughe di metano utilizzando sensori palmari.

 

Non è il primo progetto che la Nasa condivide con le aziende “terrestri”. La ricerca spaziale ha già fatto strada in diversi prodotti di consumo, dalla crema per la pelle ai materassi in memory foam. Ma perché impegnare i loro illustri cervelli in applicazioni così “semplici”? Perché, in realtà, la Nasa ha un guadagno nel rilasciare brevetti a terzi ed entrando in partnership con organizzazioni esterne.

In questo caso, tuttavia, lo scopo potrebbe essere socialmente utile, se è vero come giura l’agenzia che grazie ai droni sarà possibile ridurre le perdite di gas.

Articolo precedenteQuella “pulita dozzina”: 12 saggi per la transizione alle rinnovabili
Articolo successivoObama, nel budget 2016 aiuti a rinnovabili e a taglio della CO2

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui