Sulle emissioni inquinanti gli stati UE finiscono dietro la lavagna

Ben 11 paesi non sono in linea con gli impegni 2020 per le emissioni da attività agricole e trasporti. Addirittura 22 rischiano di mancare i target 2030

emissioni

 

(Rinnovabili.it) – Europa promossa sul filo di lana, bocciati gran parte degli stati membri. È il bilancio dell’Agenzia Europea dell’Ambiente, a seguito della diffusione dei primi dati relativi alle emissioni della direttiva NEC. La nuova direttiva limita le emissioni di cinque inquinanti atmosferici principali: ossidi di azoto (NOX), composti organici volatili non metanici (COVNM), biossido di zolfo (SO2), ammoniaca (NH3) e particolato fine (PM2,5). Si tratta di particelle che contribuiscono alla cattiva qualità dell’aria, il più grande rischio per la salute ambientale in Europa che causa di problemi respiratori e cardiaci, morti precoci e degrado di ecosistemi sensibili.

Secondo il rapporto dell’AEA, che si basa su numeri relativi al 2015 presentati da 23 stati membri, a sforare i limiti nazionali della Direttiva NEC per uno o più inquinanti sarebbero quasi la metà: Austria, Belgio, Danimarca, Finlandia, Francia, Germania, Ungheria, Irlanda, Lussemburgo, Spagna e Svezia.

 

>> Leggi anche: Italia determinata a non tagliare le emissioni in agricoltura <<

 

Sei paesi hanno superato il tetto di emissioni per tre inquinanti pericolosi come ossidi di azoto, composti organici emissionivolatili e ammoniaca. Rispetto ai trend 2020 e 2030, le cose non vanno meglio: 18 stati UE rischiano di non centrare il primo target di riduzione delle emissioni, e la cifra sale a 22 considerando la frontiera del 2030. Eppure la direttiva NEC è piuttosto generosa, perché ha esteso al 2019 i tetti istituiti per il 2010, ponendo limiti più stringenti solo a partire dal 2020.

Nel complesso, l’Italia è una dei paesi che hanno svolto meglio i compiti a casa. Tuttavia, servono sforzi più concreti per soddisfare gli obiettivi 2020 per i composti organici volatili non metanici. Spostando lo sguardo al 2030, i possibili sforamenti sono previsti per le emissioni di ammoniaca (prodotta dal settore agricolo) e dal particolato fine.

Per l’UE nel suo complesso, tuttavia, le emissioni di tre inquinanti (COVNM, SO2, e PM2,5) sono già al di sotto dell’impegno assunto per il 2020. Un ulteriore e più significativo lavoro resta da fare soltanto per per gli NOX. Per il 2030, invece, le politiche da mettere in piedi sono ancora insufficienti.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui