Emissions Trading: il surplus di quote cresce ancora

Hedegaard: “La buona notizia è che le emissioni sono diminuite più velocemente rispetto agli anni precedenti anche se le economie europee hanno iniziato a riprendersi dalla recessione”

Emissions Trading: il surplus di quote cresce ancora

 

(Rinnovabili.it) – Calano i gas a effetto serra provenienti dagli impianti europei che partecipano al sistema di emission trading comunitario. Una buona notizia che ne accompagna però una meno rincuorante: il surplus delle quote dell’ETS continua a crescere. A rivelare i dati 2013 in merito al mercato di carbonio europeo è oggi Bruxelles attraverso il commissario europeo all’Azione per il Clima Connie Hedegaard. “La buona notizia è che le emissioni sono diminuite più velocemente rispetto agli anni precedenti anche se le economie europee hanno iniziato a riprendersi dalla recessione, tuttavia, c’è ancora una crescente eccedenza di quote di emissioni che rischia di compromettere il corretto funzionamento del mercato del carbonio”, spiega la Hedegaard.

 

Le stime dell’esecutivo rivelano come, lo scorso anno, le emissioni provenienti da 12.000 centrali elettriche e impianti di produzione siano diminuite del 3%. Di contro l’eccedenza cumulativa dei crediti è ulteriormente aumentata, superando i 2,1 miliardi per l’anno 2013, rispetto da quasi due miliardi alla fine del 2012. La Commissione europea rassicura però che nel 2014 il surplus inizierà a ridursi come l’attuazione di back-loading è iniziata nel primo trimestre di quest’anno. “La Commissione – ha dichiarato Hedegaard – ha preso misure per affrontare questo con la misura di back-loading già adottato. Ma questa è solo una misura temporanea, la Commissione ha proposto di istituire una riserva stabilità del mercato. Ora tocca al Parlamento europeo e al Consiglio a prendere in avanti e andare avanti rapidamente nelle loro discussioni”.