F-gas, un divieto graduale salverà l’ozono

Votando sì il Parlamento europeo ha detto stop alla commercializzazione di apparecchi per il raffrescamento che contengono F-gas, pericolosi per l’ozono

F-gas(Rinnovabili.it) – Raffrescare gli ambienti senza danneggiare lo strato di ozono. Questo l’obiettivo della nuova strategie europea e del Parlamento Ue che ha deciso di sostenere il divieto dell’utilizzo degli F-gas per gli impianti di condizionamento.

L’utilizzo di gas fluororati è molto dannoso per l’ambiente e dovrebbe essere vietato negli elettrodomestici e nei frigoriferi di nuova produzione a partire dal 2022-2025 secondo quanto riportato nell’elenco delle nuove norme approvate dal Parlamento europeo ieri indicando che nel complesso l’utilizzo di HFC, che provocano un potente effetto serra 23mila volte superiore rispetto alla CO2, dovrà essere ridotto del 79% entro il 2030.

 

“Questa innovazione dell’UE dà il passo ad una fase di esclusione globale di questi gas con «super effetto serra», che altrimenti renderebbero difficile la riduzione delle emissioni di gas a effetto serra del 20% entro il 2030. Le emissioni di gas fluorurati sono aumentate del 60% dal 1990 nella UE. Vietare il loro uso nelle apparecchiature di refrigerazione e di condizionamento d’aria è quindi urgente per invertire questa tendenza”, ha detto l’eurodeputato Bas Eickhout (Verdi / ALE, NL).

“L’UE deved ridurre l’uso F-gas di quasi il 80% entro il 2030. Vietare i gas fluorurati in nuove apparecchiature di refrigerazione commerciale dal 2022 stimolerà l’innovazione, a vantaggio immediato di molte imprese europee innovative, e stimolerà la domanda di refrigeranti naturali”, ha aggiunto.

I gas dovranno essere gradualmente sostituiti con alternative disponibili sul mercato, a basso consumo energetico e con un ottimo rapporto costo efficacia, anche se in fase decisionale gli Eurodeputati hanno modificato la lista dei settori di applicazione della normativa definendo che si applicherà a impianti centralizzati di refrigerazione commerciale con una capacità di 40kW mentre i piccoli impianti di condizionamento che utilizzano HFC con un potenziale di riscaldamento globale (GWP) superiore a 750 volte quello del CO2 saranno vietati entro il 2025 mentre aerosol tecnici contenenti HFC oltre 150 GWP saranno vietati dal 2018.