Humana: la raccolta degli abiti usati aiuterà il Malawi

Per aiutare le donne e gli agricoltori del Malawi HUMANA ha organizzato, in occasione della Giornata Mondiale della Sicurezza Alimentare, una raccolta speciale di abiti per finanziare le iniziative umanitarie

HUMANA(Rinnovabili.it) – Anche attraverso la raccolta degli abiti usati si può finanziare la sicurezza alimentare della popolazione del Malawi. In occasione dell’Humana People to People Day del 25 settembre, che si festeggerà in tutta Europa, il ramo italiano dell’organizzazione ha deciso di celebrare l’evento attraverso una raccolta di abiti usati straordinaria.

Nella sala Arengo del Comune di Ferrara si darà spazio ad interventi sui cambiamenti climatici e su quanto e in che modo questi possano interferire e danneggiare la vita sul Pianeta soffermandosi sui danni causati alle coltivazioni e sulle difficoltà di approvvigionamento delle popolazioni dei paesi in via di sviluppo, che per prime subiscono le conseguenze dell’innalzamento della temperatura globale.

 

Grazie ad HUMANA fino al 16 ottobre in 900 comuni italiani potranno essere donati gli abiti che non si utilizzano più finanziando così il programma agricolo della Onlus in Malawi. Grazie al denaro raccolto i coltivatori potranno essere formati, imparare a differenziare le colture per garantire varietà e abbondanza alle comunità. Altro programma di supporto al Malawi l’iniziativa che punta ad insegnare alle donne, come si legge nel comunicato stampa diffuso da HUMANA “a gestire al meglio le scarse risorse idriche piuttosto che a coltivare alimenti più resistenti alla siccità come patate dolci, manioca e sorgo e a migliorare, al contempo, le pratiche igieniche, oltre che a piantumare alberi e a costruire forni salva legna”.

Potranno partecipare all’iniziativa anche le scuole di Asti, Como, Udine, Reggio Emilia, Ravenna, Silvi Marina e Nettuno, coinvolte nelle giornate del 3 e del 4 ottobre in una sfida all’ultimo indumento premiando l’istituto che sarà riuscito ad accumulare più vestiario.

La raccolta straordinaria terminerà il 16 ottobre, in occasione della Giornata Mondiale dell’Alimentazione durante la quale avranno luogo diverse iniziative.

Oltre a sostenere le popolazioni in difficoltà le iniziative di HUMANA ogni anno permettono di evitare i costi di smaltimento degli indumenti che altrimenti finirebbero in discarica generando emissioni inquinanti durante le operazioni di trattamento. “Grazie agli abiti raccolti da HUMANA lo scorso anno, è stato infatti possibile evitare l’emissione di oltre 55 milioni di chili di anidride carbonica e risparmiare 92 miliardi di litri di acqua” ha fatto sapere l’organizzazione.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui