Imballaggi in acciaio: Italia a capo di un sistema di riciclo virtuoso

Nel 2013 l’Italia ha riciclato 320.231 tonnellate di imballaggi in acciaio, l’equivalente di 54 Tour Eiffel riportate a nuova vita

Imballaggi in acciaio(Rinnovabili.it) – Aumentano le quote del riciclo degli imballaggi in acciaio. A dare la buona notizia RICREA, il consorzio nazionale che si occupa del riciclo e del recupero di tali prodotti affermando che nel 2013 dai contenitori in acciaio immessi sul mercato sono state recuperate ben 320.231 tonnellate, pari al peso di 23 portaerei. A favorire il successo del sistema di recupero anche l’espansione del territorio coperto dal servizio, che ormai copre l’80% del territorio italiano e ha garantito lo scorso anno il recupero del 73,6% di quanto immesso al consumo.

 

“Questi risultati sono frutto di una più forte presenza in tutta la filiera, con l’obiettivo di promuovere e agevolare la raccolta e il riciclo degli imballaggi in acciaio – spiega Federico Fusari, Direttore Generale di RICREA –. A cominciare dal supporto ai Comuni per diffondere a livello locale una corretta educazione ambientale e dalla collaborazione con i diversi gestori del servizio di raccolta differenziata per ottenere una raccolta più pulita ed efficiente. Quest’anno abbiamo notato un miglioramento della qualità degli imballaggi raccolti, che in alcuni casi ne ha consentito l’invio direttamente alle acciaierie per il riciclo senza che si rendesse necessario un intervento intermedio da parte degli operatori”.

 

I dati del consorzio, resi noti durante l’assemblea annuale, hanno messo in evidenza come il quantitativo di imballaggi immessi sul mercato nel 2013 equivale al peso di ben 54 Tour Eiffel (435.149 tonnellate), con una contrazione dell’1% rispetto all’anno precedente, mentre il recupero ha contato 368.575 tonnellate.

“Per assicurare l’avvio a riciclo degli imballaggi in acciaio quest’anno hanno collaborato con il Consorzio 146 aziende – prosegue Fusari -. Al fine di garantire la massima trasparenza nell’assegnazione agli operatori dei quantitativi oggetto della raccolta differenziata e ottenere una migliore valorizzazione della cessione degli imballaggi raccolti, abbiamo introdotto un sistema di aste. Abbiamo inoltre rafforzato il legame con le acciaierie, in cui i contenitori in acciaio rinascono a nuova vita attraverso la fusione”.