Imballaggi in plastica: Anci, Conai e Corepla firmano l’allegato tecnico

Attesa dalla primavera scorsa, arriva la firma dell’allegato Tecnico specifico che regolerà le attività relative agli imballaggi in plastica fino al 2019

Imballaggi in plastica(Rinnovabili.it) – Arriva da Anci e Conai, Associazione Nazionale Comuni Italiani e Consorzio Nazionale Imballaggi, la conferma di quanto annunciato ad aprile scorso, quando le due realtà hanno firmato l’accordo quadro che dona al settore stabilità ed efficienza fino al 2019. In quell’occasione l’allegato relativo agli imballaggi in plastica venne prorogato fino a giugno e adesso Anci Conai e Corepla hanno finalmente raggiunto l’intesa che il settore stava aspettando. Per la firma ufficiale all’Allegato Tecnico Imballaggi in Plastica bisognerà però aspettare il 6 ottobre, quando a Roma i Presidenti di Anci, Conai e Corepla si incontreranno per ufficializzare la questione.

 

Il nuovo allegato avrà effetto a partire dal 1° gennaio 2015 e nei prossimi mesi le specifiche dell’allegato verranno diffuse e pubblicizzate per fare in modo che i territori ne recepiscano le specifiche provvedendo anche alla sottoscrizione di nuovi accordi con i Comuni.

 

Nello specificio, si legge nella nota stampa diffusa dai consorzi, l’accordo ha dei punti forti:

  • la conferma dell’aumento dei corrispettivi riconosciuti ai Comuni, quantificato complessivamente nella misura del 10,6% rispetto al 2013, così come convenuto in sede di rinnovo dell’Accordo Quadro e già in vigore dall’1.4.2014;
  • la definizione e il riconoscimento per tutti i flussi di conferimento di un corrispettivo calcolato sui  soli imballaggi in plastica contenuti nel flusso conferito;
  • l’eliminazione del sistema a fasce per il riconoscimento dei corrispettivi;
  • l’introduzione di un nuovo sistema di monitoraggio e controllo della qualità dei conferimenti;
  • il superamento della possibilità di conferire direttamente agli impianti di selezione convenzionati con Corepla la raccolta multi materiale pesante  a far data dall’1.1.2017.
Articolo precedenteWorld Bank: 500 mln al Marocco per finanziare il solare termodinamico
Articolo successivoL’edificio salubre rende felici

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui