Inquinamento dell’acqua, se il bene comune diventa bene di lusso

Tra il 1900 e il 2005, nei bacini idrici urbani i sedimenti sono cresciuti del 40%, i livelli di fosforo del 47% e quelli di azoto del 119%. Colpa della contaminazione dell’agrochimica e dell’aumento della popolazione

Inquinamento dell'acqua, se il bene comune diventa bene di lusso

 

(Rinnovabili.it) – Il 90% dei bacini idrici da cui le città dipendono per l’approvvigionamento di acqua potabile mostra allarmanti segni di contaminazione da sostanze chimiche legate  all’agricoltura e dall’accumulo di sedimenti. Questi livelli di inquinamento dell’acqua stanno facendo lievitare i costi di trattamento e depurazione e sono destinati a raggiungere una fase critica con l’aumento esponenziale della popolazione previsto da qui al 2050. In pratica, l’acqua è destinata a diventare un bene di lusso. Lo rivela uno studio pubblicato sulla rivista Proceedings of the National Academy of Sciences statunitense.

Il fenomeno ha una portata globale. I ricercatori hanno analizzato i dati relativi a oltre 300 città di tutto il mondo con popolazione superiore ai 750mila abitanti, mettendo a confronto le trasformazioni nell’uso umano del suolo attorno agli agglomerati e in prossimità dei loro bacini idrici di riferimento, con i costi relativi al trattamento delle acque. Oltre ad avere una portata globale, questo studio abbraccia un larghissimo arco temporale, dal 1900 al 2005.

 

I risultati parlano chiaro. L’inquinamento dell’acqua e le attività antropiche sono fortemente correlati. Durante il periodo esaminato, la popolazione urbana è aumentata di oltre 5 volte, mentre le aree dedicate ad allevamento e agricoltura sono rispettivamente triplicate e raddoppiate. Ciò ha condotto ad un incremento del 40% dei sedimenti, mentre i livelli di fosforo sono balzati del 47% e l’azoto è cresciuto addirittura del 119%.

La conseguenza principale è un costo maggiore per la depurazione, che è già visibile in un terzo delle città prese a campione. Ma si tratta di dati destinati a peggiorare, a meno che non vengano messe in campo misure preventive adeguate e su larga scala. Infatti la popolazione urbana, secondo le stime delle Nazioni Unite, crescerà di 2 miliardi e mezzo di persone entro il 2050. Garantire acqua potabile a un costo accettabile per questa popolazione in continua crescita potrebbe diventare ben presto un problema, in particolare per le megalopoli in espansione nei paesi in via di sviluppo.

1 commento

  1. Pronti alla depurazione delle acque dalla radiottività modificando le ultime Centrali Termoelettriche NUCLEARI con il gas IDROGENO GEOPOLITICO solido platonico “DELTA AUTOMATION SERVICE”?

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui