Giornata mondiale della salute, dall’uomo al pianeta

La Giornata mondiale della Salute è un invito all’azione per affrontare tre crisi ambientali interconnesse: cambiamenti climatici, perdita di biodiversità e inquinamento. Clima, salute e sicurezza alimentare sono anelli di una stessa catena che lega l’uomo al Pianeta

Giornata mondiale della salute

Il 7 aprile si festeggia la Giornata mondiale della Salute (World Health Day)

di Isabella Ceccarini

(Rinnovabili.it) – La Giornata mondiale della Salute coglie il mondo intero ancora in alto mare nella lotta a un virus che continua a mietere troppe vittime. 

Quante domande dobbiamo porci sul significato della parola salute? La salute è un diritto fondamentale della persona, come ricorda l’articolo 32 della nostra Costituzione, ed è tutelato dalla Dichiarazione Universale dei Diritti Umani: è “uno stato relativo di benessere fisico e psichico caratterizzato dall’assenza di gravi patologie invalidanti”. La salute psicofisica è quindi legata alla qualità della vita che va letta in termini sociali, economici e ambientali

Leggi anche Futuro, salute, clima. Le parole chiave per il nostro Recovery

Il Covid-19 non ha guardato in faccia nessuno e ha colpito dovunque, tuttavia la sua incidenza e il numero di morti sono stati superiori negli strati più poveri della società e le popolazioni già provate dalle crisi umanitarie sono state colpite più duramente. Milioni di persone nel mondo sono precipitate in condizioni di povertà estrema. Probabilmente proprio la crescita delle disuguaglianze e dell’esclusione sociale ha ispirato la scelta dello slogan “Costruire un mondo più giusto e più sano” per la Giornata mondiale della Salute 2021.

Investire nella salute come motore di sviluppo

La Giornata mondiale della Salute celebra l’istituzione dell’Organizzazione Mondiale della Sanità (1950): decenni di grandissimi progressi della medicina, ma oggi ci troviamo di fronte a una sfida enorme. 

La pandemia ha mostrato le lacune dei sistemi sanitari sui quali è urgente investire ed ha evidenziato il legame tra salute dell’uomo e salute del Pianeta. Le scelte politiche devono quindi riguardare cambiamenti profondi e di lungo periodo che devono partire proprio dall’ambiente, ripensando il nostro sistema di vita, di consumo e di alimentazione. 

Clima, salute e sicurezza alimentare sono anelli di una stessa catena, come ha dichiarato Tedros Adhanom Ghebreyesus, direttore generale dell’OMS: «È il momento di investire nella salute come motore di sviluppo. Non abbiamo bisogno di scegliere tra migliorare la salute pubblica, costruire società sostenibili, garantire la sicurezza alimentare e un’alimentazione adeguata, affrontare il cambiamento climatico e avere economie locali fiorenti. Tutti questi risultati vitali vanno di pari passo».

Salute è accesso al cibo e all’acqua

Il paradosso dell’alimentazione è che in una parte del mondo si muore di fame perché non si ha accesso al cibo, in un’altra si muore perché si mangia troppo. L’accesso al cibo sano e sicuro è un diritto, come lo è l’accesso all’acqua. Tuttavia proprio i sistemi alimentari mondiali sono responsabili di oltre un terzo delle emissioni globali di gas serra di origine antropica. È positivo che la produzione alimentare sia complessivamente aumentata, ma sono i sistemi che vanno cambiati: la perdita di biodiversità e il mancato rispetto dell’ambiente hanno forti ripercussioni sulla salute dell’uomo, il susseguirsi di eventi meteorologici estremi causa desertificazione e diminuisce la resa dei terreni agricoli.

Leggi anche One Health, strategia interdisciplinare mondiale per la salute

Una crisi ambientale globale avrà un forte impatto sull’agricoltura, quindi sull’approvvigionamento di beni primari, quindi sulla salute. Un uso sostenibile dell’energia, dell’acqua e del suolo, a cominciare dall’agricoltura, è il presupposto per la salute dell’uomo e dell’ambiente. Come ha detto il segretario generale dell’Onu, Antonio Guterres, abbiamo davanti «tre crisi ambientali interconnesse: cambiamenti climatici, perdita di biodiversità e inquinamento» che mettono a repentaglio il benessere e la salute delle generazioni attuali e future. Emergenze che devono essere affrontate tutte insieme a livello politico, economico e sociale come indicano gli Obiettivi di Sviluppo Sostenibile dell’Agenda 2030 delle Nazioni Unite e, a livello europeo, il Green New Deal.

Entro la fine di questo secolo il riscaldamento globale potrebbe aumentare di tre gradi: guidare la trasformazione verso la sostenibilità richiede impegno, coraggio e assunzione di responsabilità. La Giornata mondiale della Salute è un momento di riflessione, cambiare passo è difficile, non impossibile. Ma bisogna volerlo.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui