Gusci di conchiglia contro l’inquinamento da PFAS

E’ possibile decontaminare un ambiente dagli PFAS attraverso l’utilizzo di biomasse di scarto: un progetto dell’Università di Ferrara, ha mostrato come neutralizzare gli inquinanti utilizzando materiali destinati allo smaltimento

inquinamento da PFAS
Image by Pexels from Pixabay

(Rinnovabili.it) – L’inquinamento da PFAS, sostanze perfluoro alchiliche, è tra i più insidiosi perché si tratta di composti persistenti e in grado di penetrare nell’organismo umano mettendo a rischio la salute.

Queste sostanze sono interferenti endocrini la cui contaminazione è caratterizzata da una forte pervasività. Gli PFAS hanno infatti a un elevato grado di solubilità in acqua, e quindi si insinuano nelle falde e contaminano campi e prodotti agricoli, entrando così nella catena alimentare. 

Si tratta di sostanze il cui utilizzo è ampiamente diffuso in ambito industriale: a partire dagli anni ‘50 sono stati impiegati per molti prodotti legati alla diffusione del commercio di massa come impermeabilizzanti per tessuti o rivestimenti antiaderenti per pentole e contenitori per il cibo, ma anche tappeti, pelli, vernici o detersivi e cere per i pavimenti.

Soltanto recentemente però si è cominciato a parlare degli impatti dell’inquinamento da PFAS sulla salute umana. In Italia, in particolare, il tema è divenuto di dominio pubblico a partire dalle denunce di grave contaminazione di molte città e territori del Nord Est del nostro Paese. 

Decontaminare le aree inquinate da PFAS con biomasse di scarto

Uno studio finanziato con i fondi del 5×1000 dell’Università di Ferrara ha lavorato alla neutralizzazione di questi inquinanti attraverso l’utilizzo di scarti alimentari destinati allo smaltimento. 

Tatiana Chenet, ricercatrice del Dipartimento di Scienze dell’Ambiente e della Prevenzione e coordinatrice del progetto, ha spiegato: “Il nostro obiettivo è di valorizzare la neutralizzazione di PFAS utilizzando biomasse di scarto destinate allo smaltimento, in un’ottica di economia circolare”.

A fornire i materiali per la decontaminazione è Naturedulis, un’azienda di Goro che si occupa di acquacoltura e depurazione di molluschi: tra gli scarti individuati figurano infatti i gusci di conchiglia. I materiali forniti passeranno al vaglio dei ricercatori che ne valuteranno prima l’efficienza nel processo e vi svolgeranno test tossicologici, lo step successivo, una volta convalidati, sarà invece una valutazione sulla fattibilità economica. 

Articolo precedenteInvestimenti energetici mondiali, spesa record per le rinnovabili 2022
Articolo successivoUna nuova prospettiva per il social housing: il progetto di MAD per Pechino

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui