Passepartout, monitoraggio dei gas tossici in 3D

L’obiettivo del progetto è realizzare un sistema per il monitoraggio degli inquinanti urbani grazie a sensori ottici montati su stazioni fisse, veicoli circolanti e droni

Passepartout
Credits: Università degli studi di Bari Aldo Moro

Il progetto Passepartout è stato finanziato con 8,5 mln di euro

(Rinnovabili.it) – Horizon 2020 è il programma quadro dell’Unione Europea per la ricerca e l’innovazione che ha al centro l’eccellenza scientifica, l’industria competitiva e le sfide sociali. Nell’ambito Horizon 2020, l’UE finanzia Passepartout, un importante progetto “Innovation Action” (IA, ovvero il meccanismo di finanziamento che rimborsa il 70% dei costi eleggibili sostenuti per l’implementazione del progetto).

Al progetto Passepartout, per il quale è stanziato un finanziamento di 8,5 milioni di euro per 42 mesi, parteciperanno 18 partner di 10 nazioni europee. Tra le università e i centri di ricerca pubblici, sono presenti per l’Italia il Politecnico di Bari, l’Università degli Studi di Bari e il Comune di Bari. Nel gruppo delle istituzioni internazionali figurano il Cork Institute of Technology (Irlanda) in veste di coordinatore, la Technical University di Vienna (Austria) e la Technical University di Monaco (Germania). Fra le aziende internazionali private partecipano la tedesca Nanoplus, leader nella realizzazione di laser a semiconduttori e l’azienda italiana Ecospray Technologies, leader nei sistemi di depurazione, idraulica navale e biocombustibili. 

Leggi anche Inquinamento industriale, in Europa non tutti la raccontano giusta

Come ha spiegato il prof. Vincenzo Spagnolo, docente di Fisica nel Politecnico di Bari, «l’inquinamento atmosferico, costituito da gas tossici e particolato, è una delle principali cause di mortalità prematura. Si stimano oltre 4 milioni di morti all’anno a causa di ictus, malattie cardiache, cancro ai polmoni e problemi respiratori cronici». A confermare la gravità della situazione il prof. Pietro Patimisco, anch’egli docente di Fisica ma nell’Università di Bari, afferma che «il 97% delle città dei paesi a basso e medio reddito con più di 100.000 abitanti non soddisfa le linee guida sulla qualità dell’aria dell’Organizzazione Mondiale della Sanità». Dati che purtroppo si allineano a quelli dell’emergenza ambientale globale.

L’obiettivo del Passepartout è realizzare il primo sistema 3D per il monitoraggio degli inquinanti in un’area urbana grazie a un sistema IOT di sensori di gas ottici montati su stazioni fisse, su veicoli circolanti e su drone. Sarà così possibile conoscere in tempo reale la concentrazione delle diverse sostanze inquinanti (ossido di azoto, anidride solforosa, ammoniaca, metano, monossido di carbonio, anidride carbonica e particolato atmosferico). I cittadini, tramite un’app dedicata, potranno vedere quali sono le aree maggiormente inquinate e decidere eventuali percorsi alternativi.

A Bari, partner del progetto, si svolgerà parte delle attività di rilevamento dati e di sperimentazione di Passepartout.

Leggi anche In Europa oltre 600mila morti per inquinamento ambientale

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui