Un Po d’Amare: un successo contro il river litter

I risultati del progetto un Po d’Amare dimostrano che, per garantire la salvaguardia delle risorse naturali e pubbliche, è importante fare rete tra diversi enti.

Realizzata per la prima volta in un’area urbana, ecco i risultati della sperimentazione per prevenire il river litter

(Rinnovabili.it) – 63 kg di rifiuti in 4 mesi. Questi sono i numeri della sperimentazione il Po d’Amare, finalizzata a prevenire il cosiddetto river litter intercettando i rifiuti nel più grande fiume d’Italia. Tramite l’uso di barriere galleggianti, che impediscono ai rifiuti di raggiungere il mare, il progetto è stato implementato per la prima volta in un’area urbana, quella di Torino.

I numeri di un Po d’Amare sono un successo perché molto bassi. Infatti, dimostrano che laddove il ciclo dei rifiuti viene gestito rispettando la normativa e secondo criteri di sostenibilità ambientale ed economia circolare, i risultati in termini di tutela delle risorse comuni e prevenzione del river litter sono evidenti.

Leggi anche Rifiuti in mare: per risolvere il problema bisogna guardare ai fiumi

Le barriere sono state posizionate nel mese di settembre 2019 per poi essere rimosse a gennaio 2020, con un leggero ritardo rispetto alla pianificazione iniziale dovuto alla piena che ha interessato il fiume Po nel mese di novembre. Tramite l’imbarcazione “Sea hunter”, il river litter è stato raccolto e sottoposto all’analisi merceologica a cura di Corepla.

Dei 63 kg di rifiuti ripescati nelle acque del Po, il 60% sono imballaggi in plastica di varia tipologia, dalle bottiglie in PET ai flaconi in PE, dal polistirolo espanso alle vaschette. Il restante 40% invece è materiale di vario genere tra cui tessuti, alluminio, acciaio e vetro.

“L’iniziativa Po d’AMare non si limita a denunciare una problematica, ma costituisce una risposta concreta alle conseguenze ambientali causate dal river litter”, ha dichiarato Edo Ronchi, Presidente della Fondazione per lo SviluppoSostenibile.

Leggi anche COMMON, il progetto europeo per salvare il Mediterraneo

Antonello Ciotti, Presidente di Corepla, ha sottolineato che il progetto “si inserisce nel programma di attività sperimentali e innovative che Corepla porta avanti per proteggere l’ambiente […] contribuendo alla crescita di una cultura fondata sui valori dell’ambiente e del corretto riciclo delle risorse.

La sperimentazione un Po d’Amare è anche la prova che, per garantire la salvaguardia delle risorse naturali e pubbliche, è importante fare rete tra diversi enti: un connubio positivo tra istituzioni, aziende e consorzi che sono state in grado di mettere insieme le diverse competenze, garantendo il successo dell’iniziativa.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui