Scoppia maxi incendio in azienda chimica nel milanese

60 vigili del fuoco sono ancora impegnati a domare l’incendio che dalle 10 di stamattina coinvolge gli impianti della NitrolChimica a San Giuliano Milanese

maxi incendio
Credits: Vigili del Fuoco

(Rinnovabili.it) – Una spessa colonna di fumo grigio, visibile a chilometri di distanza, copre il cielo di San Giuliano Milanese, alle porte di Milano. La zona industriale del comune è infatti da stamattina coinvolta in un maxi incendio. Le fiamme sono scoppiate nell’impianto di NitrolChimica, azienda che si occupa del recupero dei solventi e dello smaltimento dei rifiuti pericolosi. Il Sindaco, Marco Segala, e l’Assessore alla Sicurezza, Daniele Castelgrande, si sono recati immediatamente sul posto, dove da stamattina le autorità preposte e le Forze dell’Ordine stanno coordinando le operazioni necessarie al suo spegnimento e per la messa in sicurezza della zona. Sul posto stanno operando 12 squadre di vigili del fuoco, impegnati ad impedire la propagazione del rogo alle strutture vicine, anche attraverso il lavoro del nucleo speciale NBCR (Nucleare, Biologico, Chimico,Radiologico).

Ad alimentare le fiamme sono, infatti, migliaia di litri di solvente, le cui esalazioni preoccupano ora i cittadini. Il sindaco ha invitato gli abitanti a chiudere le finestre per evitare possibili inalazioni e a spegnere gli impianti di condizionamento. Il comune ha, anche fatto sapere che Arpa Lombardia, l’Agenzia regionale per la protezione dell’ambiente, ha attivato il gruppo specialistico contaminazione atmosferica, quello del rischio chimico e il servizio previsioni meteo e al momento sono ancora in corso le verifiche del caso.

I lavoro di campionamento dell’aria sono effettuati anche tramite un elicottero, per valutare dove il vento stia trasportando il fumo. Secondo quanto riportato dall’Ansa in queste ore, l’incendio sarebbe scoppiato a seguito di un’esplosione per cause ancora sconosciute. L’incidente avrebbe coinvolto sei persone di cui due ustione, una in maniera grave.

Articolo precedenteI contenziosi climatici non sono mai stati così tanti. Ma i governi non rispettano le sentenze
Articolo successivoCittà resilienti: dal WEF il report che aiuta i Governi a costruire una smart city

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui