Italiani più disposti che mai agli acquisti sostenibili

Otto cittadini su dieci dichiarano di essere disposti a spendere un po’ di più per fare acquisti sostenibili e meno impattanti sull’ambiente

Italiani più disposti che mai agli acquisti sostenibili

 

(Rinnovabili.it) – Spenderesti di più per fare acquisti sostenibili? È quello che il COOU, consorzio che recupera gli oli usati in Italia, si è chiesto insieme a Legambiente e Nuova Ecologia quando ha commissionato il sondaggio presentato stamattina al Forum Rifiuti. Al tavolo dei relatori l’Amministratore Delegato della Lorien Consulting, Antonio Valente, e l’esperto di comunicazione ambientale Paolo Palleschi. La ricerca evidenzia come la preoccupazione degli italiani nei confronti di questi temi sia complessivamente diminuita a fronte della crescente emergenza immigrazione. I cittadini, dunque, ritengono ancor più degli anni precedenti che i principali responsabili della salvaguardia dell’ambiente siano loro stessi (79% contro il 69% del 2014).

«Il ‘Problema ambientale’ – ha detto Antonio Valente – è stato metabolizzato e non è più un’emergenza. Il ruolo degli operatori economici, culturali e associativi si riconfigura nel supportare individui e famiglie per adempiere a comportamenti (non tanto doveri) ritenuti normali».

 

Italiani più disposti che mai agli acquisti sostenibili 2

 

La rilevazione si è basata su un campione di 1.000 persone e ha rivelato che l’attenzione dei cittadini sembra essersi legata alla crisi finanziaria: secondo il 75% ha contribuito a renderli più attenti alle esigenze dell’ambiente. Il 65% del campione è a conoscenza di almeno uno dei più recenti fatti d’attualità legati a problematiche ambientali. Dominano le emergenze legate al maltempo e al rischio idrogeologico (41%), poi viene il decreto del governo sulle trivelle nei mari italiani (18%) e infine l’introduzione della normativa sugli eco-reati nel codice penale (14%). Non manca anche una conoscenza modesta della prossima conferenza sul clima di Parigi (29%). Un dato che invece rinfranca è la disponibilità di 8 italiani su 10 a spendere di più per acquistare prodotti e servizi che impattino meno sull’ecosistema. La stessa porzione del campione si dice anche pronta a impegnarsi per migliorare la qualità ambientale, secondo il sondaggio.

 

«Proteggere l’ambiente e trasformare un rifiuto in risorsa è da trent’anni il nostro lavoro, la nostra scommessa sulla qualità della vita – ha dichiarato il presidente del COOU, Paolo Tomasi – Ci ha permesso di raggiungere standard elevatissimi, recuperare oltre il 98% dell’olio usato raccoglibile e avviarne a rigenerazione oltre il 90%». Tomasi ha lodato poi il sistema dell’economia circolare, definendolo un «circuito economico virtuoso che crea lavoro e occupazione».

Articolo precedenteCosì Londra sta strozzando la sua filiera dell’eolico
Articolo successivoProduttori rinnovabili, stop incentivi senza adeguamento inverter

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui