Mar Adriatico, temperature in aumento negli ultimi 100 anni

Le rilevazioni del Cnr abbracciano un intervallo di tempo di 117 anni: una delle più lunghe serie temporali esistenti relative al Mediterraneo.

Credit: MAx Pixel
Credit: MAx Pixel –  Creative Commons Zero – CC0

 

(Rinnovabili.it) – Il cambiamento climatico si vede ormai ovunque. Non c’è bisogno di andare lontano. Spesso, nell’immaginario collettivo, si pensa agli iceberg che si sciolgono al Polo Nord, ma a volte basterebbe solo immergere un termometro nel mare di casa nostra. È quanto hanno fatto gli scienziati dell’Istituto di scienze marine del Consiglio nazionale delle ricerche (Cnr-Ismar), con sede in Area Science Parkn che hanno rilevato come la temperatura marina superficiale del nord Adriatico nell’ultimo secolo sia in aumento crescente. Lo studio è stato condotto attraverso una serie di osservazioni effettuate nel porto di Trieste, e pubblicato di recente sulla rivista scientifica internazionale Earth System Science Data. Le misurazioni abbracciano un intervallo di tempo di 117 anni e costituiscono una tra le più lunghe serie temporali esistenti relative alla temperatura del Mediterraneo.

“Avere serie temporali lunghe e per quanto possibile omogenee è fondamentale per comprendere se e come l’evoluzione recente del clima possa aver influito sui parametri fisici del mare, in questo caso sulla temperatura – spiega Renato R. Colucci del Cnr-Ismar, coautore della ricerca – il problema è che, rispetto alle osservazioni meteorologiche, la complessità strumentale e logistica chiamata in causa dalle osservazioni marine ha per lungo tempo impedito la rilevazione di dati caratterizzati da sufficiente continuità e qualità.  Per questo, andando indietro nel tempo, c’è carenza di dati e non risulta semplice costruire una serie come questa”.

 

Due le differenti serie storiche utilizzate per elaborare la serie di misurazioni: un primo gruppo di dati analogici, ottenuti mediante misure di termometri nei periodi 1899-1923 e 1934-2008 e conservati negli archivi storici dell’Istituto, e un secondo gruppo di dati ottenuti tramite termistori, che non sono altro che termometri digitali, impiegati nel periodo tra il 1986 e il 2015. Il primo gruppo di dati è stato selezionato, digitalizzato e organizzato in serie con il nuovo gruppo di dati.

“Quello che emerge è un aumento della temperatura del mare alla velocità media di 1.1°C per secolo, se si guarda la prima delle due serie. Se invece si studia la serie di dati raccolti tra il 1946 e il 2015, caratterizzati da una maggiore continuità, l’aumento risulta di 1.3°C per secolo. Inoltre si osserva che negli ultimi 20 anni è diventato molto più frequente rispetto al passato il raggiungimento o superamento dei 28°C di temperatura durante l’estate”, spiega Fabio Raicich del Cnr-Ismar, coautore della ricerca.

 

Il risultato di questo lavoro è a disposizione su una piattaforma open (https://www.seanoe.org/data/00476/58728/) a cui la comunità scientifica, ma anche i policy maker e i cittadini, potranno liberamente accedere per usare i dati e avere un quadro dell’evoluzione delle temperature nell’ultimo secolo, anche al fine di elaborare analisi ulteriori. 

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui