Mari e oceani, l’Europa concentrata sulla salvaguardia

Riconoscendo il ruolo fondamentale di mari e oceani l’Europa ricorda l’importanza della salvaguardia delle risorse e lo sviluppo delle potenzialità energetiche

Mari e oceani(Rinnovabili.it) – Mari e oceani rappresentano una fonte fondamentale di cibo, energia che può essere prodotta senza rilascio di inquinanti e inoltre rappresenta una via di trasporto utile anche per il commercio e un bacino di fauna e flora di sconfinata ricchezza. Ancora in parte non scoperte le risorse offerte dal mare potrebbero provvedere a sostentare le popolazioni offrendo anche opportunità terapeutiche, che ancora oggi vengono costantemente studiate in laboratorio. I ricercatori sostengono infatti che molte specie marine non siano ancora state scoperte e che circa 600mila nuovi composti sarebbero in attesa di essere identificati con la possibilità di creare tra i 55 e i 214 nuovi farmaci anticancro.

 

Ma bisogna fare attenzione perché l’ambiente marino è molto delicato e risente pesantemente delle attività antropiche e dell’aumento della salinità delle acque che mette costantemente in pericolo la sopravvivenza delle specie più delicate e degli ecosistemi più fragili. Questa tesi è avvalorata anche dalle indagini condotte dall’Agenzia europea dell’ambiente nelle quali ha recentemente riferito come meno del 20% degli habitat e degli ecosistemi marini europei siano etichettati come “in buono stato”. Per questi motivi al momento sono in essere progetti scientifici che hanno a cuore la salute delle acque marine e oceaniche riconoscendone il valore nella formazione di una economia sostenibile che sia anche ricca e protetta dalle azioni antropiche indisciplinate.