Inquinamento delle acque: in Ue servono nuovi interventi

L’inquinamento delle acque in Ue è costante diminuzione ma i nitrati continuano a danneggiare le risorse rendendo necessari nuovi interventi

Nitrati nelle acque Ue(Rinnovabili.it) – Nonostante in Europa l’inquinamento delle acque sia in costante diminuzione le politiche di tutela non devono allentare la morsa perché sono ancora numerosi i campi di intervento da non trascurare.

Nel corso degli ultimi due decenni i danni causati dai nitrati sono diminuiti anche se le pressioni agricole stanno mettendo a dura prova le risorse idriche. A rivelarlo è l’ultima relazione sull’attuazione della Direttiva dei nitrati che rivela livelli di inquinamento in calo sia nelle acque sotterranee che di superficie insieme ad un positivo aumento delle pratiche agricole sostenibili. Nonostante questo però si continuano a sentire gli effetti negativi dell’eutrofizzazione e della presenza ancora eccessiva di nitrati che stanno causando problemi in molti Stati Membri, rendendo necessari interventi per il ripristino della buona qualità delle acque nell’Unione Europea per ottenere risultati in breve tempo.

 

A tal proposito il Commissario per l’ambiente Janez Potočnik ha dichiarato ” Sono molto contento di vedere che gli sforzi di lunga data per ridurre l’inquinamento da nitrati nell’acqua ci stanno ripagando. Ma abbiamo ancora molto da fare per portare le acque europee ad un buono stato entro il 2015. I nitrati esercitano una forte pressione sulla biodiversità, sulle acque e sul terreno che sono la base della nostra agricoltura e di numerose attività economiche. Abbiamo bisogno di intensificare gli sforzi per conseguire ulteriori e significative riduzioni nei rilasci di nutrienti. Ciò richiede la gestione del ciclo dei nutrienti in modo più sostenibile e l’utilizzo più efficiente delle risorse. Più aspettiamo, più questo costerà, all’economia e all’ambiente.”

In alcune aree la pressione agricola sulla qualità delle acque risulta in costante aumento e le acque sotterranee sembrano particolarmente danneggiate in Germania e a Malta mentre per quanto riguarda le acque di superficie la situazione peggiore è stata registrata nel Regno Unito, in Belgio e a Malta. Per i laghi la situazione non è certo migliore: quasi quattro laghi su dieci in Europa soffrono di eutrofizzazione con l’Olanda che evidenzia la sofferenza più acuta, con il 100% delle acque dolci inquinate.