Trump vuole ratificare l’accordo di Parigi, ma non è una buona notizia

L’idea è dei senatori repubblicani Ted Cruz e Lindsey Graham. Con un voto contrario del Senato, competente a esprimersi sui trattati internazionali, Biden avrebbe più difficoltà a rientrare nell’accordo

Accordo di Parigi
credits: Gage Skidmore via Flickr | CC BY-SA 2.0

L’accordo di Parigi al voto del Senato per bocciarlo definitivamente

(Rinnovabili.it) – I fedelissimi di Trump vogliono portare al Senato il testo dell’accordo di Parigi. Non è un ravvedimento tardivo dei Repubblicani più schierati contro la lotta al cambiamento climatico. E’ un escamotage per mettere i bastoni tra le ruote a Biden. E rendergli più difficile l’operazione – annunciata in campagna elettorale e ribadita dopo l’elezione di inizio novembre – di rientrare in fretta nell’accordo.

Gli architetti di questa manovra sarebbero i senatori Ted Cruz e Lindey Graham. E’ quanto emerge da una lettera che Cruz ha spedito al presidente uscente, di cui è entrato in possesso il portale Realclearpolitics. Per i due falchi, Trump dovrebbe smettere per un attimo di fare gli scatoloni e preparare il campo per la battaglia politica dei prossimi anni.

Leggi anche Gli Stati Uniti di Trump escono ufficialmente dall’accordo di Parigi

L’idea in sé è molto semplice. Per i due, basta portare l’accordo di Parigi (e il patto sul nucleare iraniano) al Senato, farli votare dalla camera ancora ostile ai democratici – le elezioni suppletive di inizio gennaio potrebbero consegnare la maggioranza a Biden – e far mancare la maggioranza qualificata richiesta, pari ai due terzi dei senatori.

“Solo così facendo il Senato sarà in grado di soddisfare il suo ruolo costituzionale di fornire un parere e il consenso, nel caso in cui una futura amministrazione tenti di rilanciare questi pericolosi accordi”, si legge nella lettera di Cruz.

Leggi anche La missione (quasi) impossibile di Joe Biden

In questo modo il Senato darebbe ai due accordi la patente, anche formale, di trattati internazionali. A cosa serve la manovra? L’accordo di Parigi è stato approvato dagli Stati Uniti con un semplice ordine esecutivo del presidente, appunto un modo per evitare il passaggio parlamentare e rischiare di farsi bocciare il testo. Se ci fosse un voto negativo della camera alta, quindi, Trump e i repubblicani potrebbero contestare Biden non appena proverà a prendere in mano il dossier e mantenere le promesse elettorali.

Piena sintonia tra Cruz e Graham. Quest’ultimo la settimana scorsa aveva affidato il suo piano a Twitter: “[…] Ritengo inoltre che il Senato dovrebbe sostenere o opporsi a qualsiasi decisione di rientrare nell’accordo sul clima di Parigi”.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui