Addio trivelle, i fondali marini UK valgono di più come capitale naturale

I fondali di pertinenza della Gran Bretagna valgono 300 miliardi di dollari. Il calcolo fa perno sui servizi ecosistemici che sono in grado di fornire: soprattutto come serbatoi di carbonio (blue carbon)

Capitale naturale: i fondali UK valgono di più come carbon sink
Foto di Calli2707 da Pixabay

Capitale naturale e servizi ecosistemici al centro del lavoro dell’Istat britannico

(Rinnovabili.it) – I fondali marini della Gran Bretagna ‘rendono’ di più senza trivelle. Il valore del petrolio e del gas che si potrebbero estrarre è minore di quello della capacità di assorbire e stoccare l’anidride carbonica. A dirlo è l’Office for National Statistics, l’equivalente britannico dell’Istat. Che ha integrato nei suoi calcoli anche il capitale naturale.

Tutto ruota attorno a quelli che vengono chiamati ‘servizi ecosistemici’, cioè i costi e i benefici che derivano dalla tutela e dallo sfruttamento della natura. Secondo i tecnici di Londra, gli asset nazionali del capitale naturale marino – cioè i fondali – valgono 300 miliardi di dollari.

Leggi anche Pil e capitale naturale, inizia una nuova era per lo sviluppo sostenibile

Come sono arrivati a questa stima? Il calcolo mette il valore dell’oil&gas a confronto con il blue carbon, cioè la capacità degli ecosistemi marini di assorbire anidride carbonica e quindi di contrastare l’avanzata del cambiamento climatico. Secondo  gli esperti britannici, le alghe, i fanghi, le sabbie e le paludi salmastre catturano già almeno 10,5 milioni di tonnellate di CO2 equivalente all’anno. Di poco, ma questo valore supera quello di tutti i boschi del Regno Unito.

Non solo. Per gli statistici gli asset di carbonio blu inglesi valgono addirittura più della pesca, degli idrocarburi e delle energie rinnovabili combinate insieme. Un valore che è destinato a salire, visto che Londra ha in mente di iniettare artificialmente CO2 nei fondali.

Leggi anche Serve un piano Marshall per guarire l’economia della biodiversità

Un recente studio dell’università di Cambridge concludeva che quando si tiene conto del capitale naturale è decisamente più conveniente preservare gli ecosistemi invece che favorirne lo sfruttamento. Punto che è al centro anche della ‘Dasgupta review’, rapporto commissionato dal ministero britannico delle Finanze che propone di correggere il PIL, includendo nell’indicatore macroeconomico anche il capitale naturale.

E su questa stessa linea si sta muovendo anche l’ONU, che prova a costruire e diffondere un PIL verde come indicatore macroeconomico. A metà marzo il Palazzo di Vetro ha presentato ufficialmente il System of Environmental-Economic Accounting—Ecosystem Accounting (SEEA EA), un indicatore economico che integra anche i servizi ecosistemici.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui